Beauty and Brains.

7.11.17


Mi piacciono i rossetti, i profumi, i tacchi altissimi, le mini di pelle. 
Mi piace perdere tempo a fare il tapis roulant per vedermi bene allo specchio, mi piace farmi la maschera per i capelli, mi piace la sera mettermi l'acido in faccia.
Mi piacciono anche i libri sulla strategia militare, leggere più quotidiani possibile, organizzare eventi per decine e decine di persone, scrivere poesie.
Quando ho aperto il blog non l'ho detto praticamente a nessuno.
Parlare di rossetti mi sembrava infinitamente stupido e quasi me ne vergognavo. Ho studiato Scienze Politiche, dire che nel tempo libero recensivo fondotinta mi sembrava imbarazzante.
Negli anni ho iniziato a interessarmi meno all'opinione degli altri.
E quindi tutti i miei amici sanno del blog e anche tanti dei miei clienti.
So però che a volte dire che scrivo fiumi di parole su profumi e ombretti non è il massimo, specialmente dato il modo in cui mi presento. Mi piace vestirmi bene, anche se devo correre sui tacchi dodici ore al giorno.
E quindi sì, tante volte lo vedo che la gente pensa che io sia un'oca, senza per forza voler essere cattivi ma il risultato non è bellissimo.
Non è bello che una persona che non vi conosce spari a zero sul farsi selfie per far vedere al rossetto alle otto di mattina, decisamente. Specialmente perché questa persona non sa che truccarvi è l'unico momento di frivolezza totale in una giornata in cui bisogna stringere i denti e dare calci.
Ma.
A me interessa quello che pensa la gente? 
Sinceramente, no. Anzi, ben venga. Che pensino pure che siete stupide: questo vi porta automaticamente in vantaggio, potete comportarvi usando tutto il vostro cervello senza che loro se lo aspettino.
Fa più male quando una "critica" arriva da una persona a cui volete bene, come l'amico dello screen postato qui sopra.
Io capisco cosa vuol dire. Capisco che superficialmente posso sembrare particolarmente frivola.
Insomma, nel mio account instagram non faccio live in cui commento le notizie di rilievo mondiale e non metto in bella vista la pila di libri impegnati che staziona sul mio comodino.
Ma questa è una lettura superficiale, appunto. 
A me fa tenerezza chi sente il bisogno di ostentare la propria cultura, secondo me nasconde più insicurezza di chi si fa dieci selfie al giorno.
Che poi, anche se i miei unici interessi fossero rossetti e profumi, farei male a qualcuno? Io conosco delle donne superficiali e -breaking- non sono per questo cattive persone.
Magari potrei avere difficoltà a costruirci un'amicizia stretta ma non per questo ritengo che siano soggetti da criticare.
Quindi sì, io ho un mondo di cose da dire. Semplicemente non ritengo necessario urlare a tutti che ho un cervello che funziona, anche perché se qualcuno pensa che i vostri neuroni non sono attivi solo perché vi piacciono i blush anche who cares.


29 comments

  1. Avevo scritto un commento un sacco lungo, l’ho cancellato perché si traduce tutto perfettamente in: WHO CARES.
    :*

    ReplyDelete
  2. Io, al contrario,trovo che siano loro, chi fa questi commenti su noi appassionate di beauty,ad essere di una superficialità imbarazzante.

    ReplyDelete
  3. Stampo tutto e incornicio. Non ho altro da dire se non che condivido ogni singola parola.

    ReplyDelete
  4. E poi, a volte, si è piene di cose da dire ma non si vuole dirle a chiunque!!!

    ReplyDelete
  5. Già... È piú facile ricordare che ho hobby non convenzionali, capelli vichinghi e una collezione di calzini di Star Wars di tutto rispetto. Due lauree e un master sono tranquillamente dimenticabili. Ormai la mia "bizzarria" è diventata la mia forma di difesa... Piú mi credono strana piú mi lasciano stare!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Che ci credano strane, meglio così <3

      Delete
  6. Come da titolo Beauty and Brains. Una cosa non esclude l'altra. Io credo di essere una portatrice sana di entrambe le cose. Cosa che può apparire insensata se penso che ho ripreso in mano proprio ora il blog dopo un anno di stop. Ma questo non mi ha impedito di continuare ad imbellettarmi e interessarmi al beauty in un momento della mia vita in cui la crescita personale ha subito un'impennata non da poco!
    Credo che il primo commento che ho letto riassuma perfettamente il tutto. Who cares. Un mantra da imparare ad usare. Con moderazione, come tutto d'altronde!

    ReplyDelete
  7. adoro questo post.. penso ogni donna e anzi ogni essere umano abbia diritto al suo lato frivolo, certo non c'è solo quello ma perché non mostrarlo.. io adoro il beauty ma ho tantissimi altri interessi che magari nemmeno cito nel blog perché non ne vedo il motivo che siano svariati e più o meno profondi.. ^^

    mallory

    ReplyDelete
  8. Esatto! Io ho un tattoo con scritto : Je m'en fous, quindi non aggiungo altro! <3

    ReplyDelete
  9. C'é una marea di gente che si limita a giudicare la copertina e non va oltre. Francamente se ne può allegramente fare senza, anzi, alla larga! E poi un po' di frivolezza aiuta a farci andare avanti nel generale peso della vita. Bacioni

    ReplyDelete
    Replies
    1. Aiuta moltissimo con i problemi di tutti i giorni, è vero <3

      Delete
  10. "Che pensino pure che siete stupide: questo vi porta automaticamente in vantaggio, potete comportarvi usando tutto il vostro cervello senza che loro se lo aspettino." Applausi & lots of love.

    ReplyDelete
  11. A me questi giudizi sono capitati più volte. Sempre da donne per niente curate e che un po' di trucco e profumo avrebbero proprio avuto un disperato bisogno

    ReplyDelete
  12. Quoto tutte, in particolare FEDERICA DI ''BELLEZZA È VERITÀ''. Certi pregiudizi definiscono chi li esprime, non chi ne è oggetto. Io non credo di essere stata etichettata come "oca" molto spesso, manco di figaggine perchè succeda XD, ma certe occhiate allo smalto o al rossetto le ho notate..

    ReplyDelete
  13. Molta gente ancora pensa che gli esseri umani siano creature monocellulari che possono avere solo un certo tipo di interesse. Quando, sorpresa!, nella maggior parte dei casi non è così. Ho duemila rossetti e ho sempre le unghie fatte, ma allo stesso tempo ho una laurea in giurisprudenza, ogni anno compro il nuovo gioco di Pokemon, ascolto musica giapponese... e potrei andare avanti! Una cosa non esclude l'altra, e chi giudica dall'apparenza, come hanno già detto, è il vero superficiale!

    ReplyDelete
  14. Parole sante!
    Mi ci rivedo tanto in quello che hai scritto perché da quando ho aperto il blog l'ho detto solo a quattro persone e non mi mostro proprio per evitare situazioni che mi urterebbero e ferirebbero (e so che accadrebbe al 100%).

    ReplyDelete

Thanks for commenting <3