Finding Balance and Bla Bla Bla

27.9.17

La mia vita è molto bella ma piuttosto complicata.
Mi piace da impazzire il mio lavoro, su quello potrei aprire un blog a parte proprio, ma mi porta via tanto tempo e tantissime energie.
Per chi non lo sapesse, a dicembre del 2016 ho aperto un ristorante a Lugano insieme a mio fratello. Apriamo alle 7, facciamo anche delle favolose colazioni, e siamo aperti dal lunedì al venerdì.
Vi racconto un po' le mie giornate.

Sono al lavoro per le nove di mattina e ci sto fino a dopo cena. Ecco, le mie energie si potrebbero esaurire anche qui.
Sono ore estremamente piene e molto impegnative, anche fisicamente.
Però ecco, la vita non è solo il lavoro. Ci ho messo diversi mesi a capire che non potevo lavorare e basta.
All'inizio il ristorante assorbiva semplicemente tutta la mia vita.

1. lavorare e basta non funziona a lungo. Non solo perché non siamo delle macchine e prima o poi ci viene un esaurimento. Dedicarsi anche ad altro fa sì che il tempo dedicato al lavoro sia decisamente più produttivo.

2. non prendetevi male se non riuscite a fare tutto. Io ho bisogno di allenarmi per un tot di motivi ma non sempre ce la faccio ogni mattina. Ragazze, amen. Mi dispiace davvero non riuscire a correre tutti i giorni ma ci sono notti in cui non mi addormento prima delle quattro e non posso proprio alzarmi due ore dopo, non troppo spesso almeno.

3. direttamente collegato al punto di prima ne abbiamo un altro: siete più forti di quello che pensate. Non lasciate che i tanti impegni e la stanchezza vi sconfiggano del tutto. Potete fare uno sforzo extra, giuro che potete. Equilibrio, anche qui. Non cercate scuse ma nemmeno distruggetevi, ecco.

4. trovate il tempo per fare qualcosa di non utile ma che comunque vi fa star bene. E che quindi probabilmente è più utile di tutto il resto messo insieme.
Io ho ricominciato ad andare a ballare a Milano la domenica. Dedico l'unica sera libera -sono a lugano dal lunedì al venerdì e lavoro a bergamo sabato e domenica a pranzo- alle mie amiche ed è bellissimo. Torno alle sei di mattina, bevo un po' troppo e mi devo trascinare a prendere il treno delle 9.25 per Lugano con un'ora di sonno alle spalle. Però vale la pena di lavorare in hangover, davvero. Ne vale la pena perché vedo le mie amiche e mi diverto da morire. Tanto comunque dormo poco.

Come al solito, consigli stupidissimi. Però funzionano, promesso.

14 comments

  1. Giuro che prima o poi andrò a lavorare anche io in hangover, mi manca come esperienza e sono convinta che la produttività aumenterebbe in maniera esponenziale!

    ReplyDelete
  2. L'ultimo punto non potrei perché ormai c'ho un'età, e pure stare sul divano a non fare niente in hangover mi fa morire, però a tutto il resto un gigantesco si! <3

    ReplyDelete
  3. Vale la pena lavorare in hangover sempre!!! Io ci vado dopo i concerti o dopo aerei delle sei del mattino ma dopo una serata del genere, sopporti meglio gli scleri delle colleghe esaurite!! ��������

    ReplyDelete
  4. Anche io ci ho impiegato un po' di tempo a capire che il lavoro non è tutto... comunque andare a lavorare in hangover è assolutamente un esperienza da fare ma io la sera dopo alle 21 crollo perchè devo recuperare assolutamente!

    ReplyDelete
  5. Ritagliarsi dei momenti per ciò che amiamo è semplicemente necessario. Vitale. Devi farlo o esplodi, io stessa mi sento male quando non ho del tempo per me.
    Tu sei una vera forza della natura.

    ReplyDelete
  6. Ultimamente ho dei turni di lavoro pesanti, motivo per il quale ho lasciato anche il blog abbandonato a se stesso mesi e mesi. Però mi sono resa conto solo dopo altrettanti mesi che non va bene. Adesso cerco di dirmi che il lavoro non può prendermi al 101% anche se sono a casa, anche se mi piace, ma ho bisogno di staccare la spina e sì, se serve anche andare a lavorare con tre ore di sonno alle spalle ;)

    ReplyDelete
  7. Sei fortissima!!! i consigli li trovo validi ma li adatterò alle mie forze ;)

    ReplyDelete

Thanks for commenting <3