Antiheroes vol I: Conor Mc Gregor

5.1.17
Ci sono quelle persone che quando si fidanzano d'un tratto assimilano ogni passione della persona con cui stanno.
Musica, film, serie tv. 
Ecco, io non sono decisamente una di quelle.
Nulla mi staccherà dai cartoni animati e dalle mie serie tv guilty pleasure, no no no.
Però Riccardo mi ha talmente massacrato l'anima con Conor Mc Gregor che alla fine ho iniziato ad ascoltarlo, a conoscerlo e me ne sono disperatamente innamorata -scusa amore, so che tanto lo ami anche tu-.
Oggi iniziamo una serie di post a quattro mani, parliamo dei personaggi che più amiamo, degli eroi meno convenzionali di questa epoca poco convenzionale.
Non so quanti ne troveremo che piacciono ad entrambi però hey, ci proveremo.


R:Conor Mcgregor.
Partiamo dal principio.
Conor nasce con niente, di niente vive con una ragazza in una casa, guadagnando zero, sostenuto dallo stato tramite sussidio.
La scuola non va, il lavoro neanche. Irlandese, figlio di un pugile irlandese.
Ha capito che sa picchiare, questo può fare.
Serve disciplina, serve allenamento, serve tanta dedizione.
Due cinture di campione del mondo sulle spalle non sono frutto di niente. 
Sacrifici. Sempre. Ogni giorno. Sempre.
Trash Talk, abiti di alta classe e Lamborghini sul vialetto di casa fanno da contorno alla vita di qualcuno che partito da niente ora è il personaggio i discusso che rappresenta uno sport violento fatto di sangue, sudore ed anche di copertine sulle migliori riviste di moda. 
Personaggio 2016 dello sport a mani basse.
Parliamo del sogno americano, di quello che dal nulla diventa star.
Invece no.
Orgoglio irlandese quello fatto di fatica, sudore e sacrifici.
Parliamo di quello che con dedizione e costanza, lotta giorno per giorno fino a diventare il moneymaker di un colosso mondiale come l'UFC.
Il sinistro fa male, molto male, ma ancora prima fa male seduto al tavolo delle conferenze stampa dove la sua capacità di controbattere ed annichilire l'avversario solo parlando sono al pari di nessuno.
Il suo cavallo di battaglia rimane sicuramente:
"We are not here to take part, we are here to take over"
Il fallimento per Conor non è contemplato, non è un'opzione, semplicemente non esiste.
"There's not talent, this is hard work. This is obsession. Talent does not exist. We are all equal as human beings"
"The game is on its knees and I am on a throne"
S:Ecco, onestamente invece a me guardare la gente che si picchia non emoziona più di tanto.
Oltre a picchiare nella gabbia fa parecchio male ai suoi avversari anche a parole, quanto vorrei avere la sua lingua pronta per rispondere a chi mi fa arrabbiare.
Quando ho iniziato a conoscere la sua storia ho iniziato a vederlo con occhi diversi però.
Perché per fare carriera nel mondo delle botte serve un sacco di dedizione e impegno, esattamente come per ogni altro campo.
TRE MOTIVI poco seri PER CUI AMO CONOR MC GREGOR 

DEE

Il motivo principale per cui sono rimasta affascinata da questo personaggio è la sua compagna.
Un controsenso, sì.
Però lei è rimasta al suo fianco quando con i combattimenti faceva poco più di mille sterline l'anno, quando si dedicava totalmente all'allenamento.
Ecco, io dalle storie d'amore mi sento sempre inesorabilmente attratta.
Anche quando non sono felicemente in una relazione -che se non si è felici qual è il punto, giusto?- io le coppie che stanno realmente bene insieme le guardo sempre con gli occhi dell'amore.
Me li immagino a combattere insieme.
Lui nella gabbia, lei sul lavoro per mandare avanti la casa. Me li immagino e mi emoziono, l'amore vero è sempre la cosa più bella che ci sia.
E niente, non potevo che affezionarmi a questa coppia di irlandesi fuori di testa.
Tra l'altro a breve avranno un bambino e io non vedo l'ora di vedere che outfit improponibili ci proporranno, non deludetemi.

EATING HABITS

Io seguo un'alimentazione quasi sempre molto corretta. Però quando penso a come mangiano gli atleti wow, che ammirazione.
La cosa che mi manda più fuori di testa è come per il suo sport debba per forza stare entro determinate fasce di peso.
Oltretutto, stando alle parole del suo nutrizionista, non ha problemi a seguire il suo regime. Che bravo e che invidia, io a volte piango nella cheesecake.
La sua dieta fatta di tanta carne non potrei farla però Conor vieni da me che ti faccio fare un salmone al vapore che ti piacerà da impazzire.
FASHION

Non c'è niente da fare, McGregor è tamarro.
È tamarro se si veste Gucci, se mette abiti che valgono quanto tutto il mio armadio, è tamarro sempre.
Però a me il suo stile fa impazzire e vorrei abbracciare il suo stylist e le sue citazioni stupende.
E questo è Conor McGregor. Un insieme di sudore, sangue, insulti.
Un personaggio che all'inizio si può tranquillamente bollare come arrogante, eccessivo, montato. 
Conoscendolo si scopre invece che è sì tutte queste cose ma anche qualche cosa bella in più.

2 comments

  1. Eh sì, a certi personaggi non sarei arrivata neanch'io, sono fuori giro! Però la forza dell'ostinazione, del non arrendersi mai mi affascina e attira sempre, anche se in mondi "paralleli" al mio :)

    ReplyDelete

Thanks for commenting <3