CONTEST: Best of 2013

16.12.13


2013 is not over yet but, as soon as Christmas comes, I already feel like the year is over and I feel like going over the last twelve months.
It has been a tough year for a lot of people I know and I really hope that 2014 will be better.
But I think that, if we stop and think for a while, we can come up with some good things about the -almost- past year.


Il 2013 non è ancora finito ma, quando il natale si avvicina, mi sembra già che l'anno sia finito e mi viene spontaneo ripensare ai dodici mesi passati.
È stato un anno difficile per tante persone che conosco e spero davvero che il 2014 sarà migliore.
Ma penso che, se ci fermiamo a pensare, possiamo pensare a qualche momento positivo dello scorso anno.



While I was thinking about the last months I realized a lot of good memories are associated to Drama&Makeup.
Numbers are not important, I know that. But seeing visits, subscriptions and likes increasing every day it's pretty satisfying.
I love reading every comment, receiving your beautiful emails and chatting on every social network.
To celebrate a contest starts today, ending the last day of january.
The prizes will go to three winners, an Urban Decay Naked Basics, a Nars's Satin Lip Pencil in the shade Luxembourg and a Benefit's Creaseless Creamshadow in the shade Bronze.
I picked three products I absolutely loved this year, they're definitely part of the best things of this year.
To enter:
-be a gfc subscriber
UPDATE: GFC is gone. Follow me on bloglovin: http://www.bloglovin.com/en/blog/3420516
-write a blog comment in which you tell me about the good things of your 2013
I'll pick the winners.
Thank you for being one of the best things of 2013.

Io ho trovato tanti momenti belli nei mesi passati e tanti sono legati al blog. I numeri non sono importanti, è vero. Però vedere il contatore delle visualizzazioni che sale, le iscrizioni qui e i like su facebook che aumentano ogni giorno è gratificante.
È bello leggere i vostri commenti, ricevere le vostre mail e chiacchierare tra un social network e l'altro.
Per festeggiare oggi parte un contest, con scadenza il 31 Gennaio.
I premi sono per tre vincitori, una Naked Basics di Urban Decay, una Satin Lip Pencil di Nars nella colorazione Luxembourg e un Creaseless Creamshadow di Benefit nella tonalità Bronze.
Ho scelto tre prodotti che amo tanto, parte delle cose belle di quest'anno. Sì, nelle cose belle ci metto anche i miei trucchi preferiti.
Per partecipare:
-essere iscritti tramite GFC 
UPDATE: GFC sembra scomparso. Seguitemi su Bloglovin: http://www.bloglovin.com/en/blog/3420516 
-scrivere un commento in cui mi dite le cose belle che vi sono successe quest'anno, qualsiasi cosa
I vincitori saranno scelti da me.
Grazie di essere stata una delle cose più belle del 2013.

With love,
S.

100 comments

  1. quanto sei puccia ç_ç
    Cose belle successe quest'anno non troppe ahimé, ma poterti rivedere più volte nonostante la distanza che ora è più grossa è una di esse. (l'anno prossimo mi piacerebbe conoscere anche Binky però e fare l'ein plein XDDDDD e averti a Torino)
    Salutami il peloso!

    ReplyDelete
  2. Che bel contest! Scade proprio il giorno del mio compleanno! :-)
    Ok quest'anno per me ci sono state tante delusioni visto che è ufficialmente iniziata la ricerca di un lavoro… e cercando cercando ho trovato un lavoretto per niente duraturo e ben retribuito, ma che mi gratifica: leggo sceneggiature e libri per una casa di produzione cinematografica! Mi dirai:" che c'è di bello?" … Il bello è che la mia opinione viene ascoltata e presa in considerazione. Poi chissà magari ho permesso la realizzazione del prossimo film italiano che concorrerà agli Oscar! :-) Smetto di volare alto e ti auguro un Buon Natale!

    ReplyDelete
  3. beh, quest'anno non mi è capitato molto (esattamente come gli anni scorsi). Niente grosse novità, niente lavoro, niente viaggi, eccetera eccetera.
    Se dovessi però elencare i miei momenti migliori - chiamatemi banale - uno di questi sarebbe senz'altro il concerto di Bruce Springsteen. È stato il mio quarto, ma sotto alcuni aspetti è stato il primo. È stato il primo in cui ho imparato a lasciarmi andare, il primo in cui ho pianto, il primo in cui ho ballato mentre piangevo. Il primo in cui non mi sono lasciata accecare dalla ricerca del "migliore": il miglior posto, la miglior visuale, la miglior canzone.
    E, al tempo stesso, è stata la quarta volta in cui mi son sentita a casa, insieme a persone che vedo solo in queste occasioni, ma con cui parlo come se ci vedessimo tutti i giorni.
    Uno dei momenti più belli senz'altro per me è stato quello: la sensazione di aver trovato il mio posto nel mondo, in uno stadio circondata da 60000 persone.

    ReplyDelete
  4. vorrei poterti dire tante cose belle successe quest'anno... ma purtroppo è stato l'anno più nero che mai avrei potuto augurarmi... Ho capito che gli amici che avevo, non sono così tanto amici come pensavo, e già questo mi ha devastata... Periodo che mi ha distrutto, che mi ha fatto crollare il mondo sotto i piedi.... e che mi ha fatto rientrare nella mia carinissima compagna di vita (la depressione). Cambio di casa dopo 7 anni universitari, perchè il padrone di casa mi ha gentilmente buttata fuori, che gli serviva l'appartamento...
    Trasferimento e vita in nuova casa con il fidanzato... da giugno ad ora, sto iniziando a uscire da questo tunnel, e con lui le cose sembrano migliorare... In tutto ciò non ho avuto il sostegno della mia famiglia, che mi diceva semplicemente... "è così che va, hai scelto tu di andare via"
    Forse una cosa buona è successa... ho un poco di più fiducia in me, ho capito che nella vita devo rialzarmi con le mie forze...
    Perchè ti racconto tutto queto? perchè oggi sono incazzata nera, devo partire domani per la mia sicilia, e ci sono casini immensi con l'aeroporto.... dovrò fare stallo non so dove in italia, finchè non riaprono l'aroporto di Catania... Prendilo forse come uno sfogo =( e non per il contest...
    Ma Credo che spesso i blog, il makeup... mi hanno aiutata a rialzarmi... e questa forse è una situazione in cui, ancora per una volta, il makeup, le blogger, e le ragazze che mi seguono... mi aiuteranno ad uscirne...Come te, gli unici momenti che mi han fatto sorridere, che mi han tenuto compagnia, sono i momenti legati al blog, momenti legati a persone che non ho mai visto in vita mia, ma che nelle mie lacrime ci sono state...
    Baciotto tesoro :* e buone feste!! e sopratutto... che sia un anno meraviglioso per tutte questo 2014 <3

    ReplyDelete
  5. Cose belle successe quest'anno? ... Mmmmh... Essere riuscita ad andare a trovare la mia migliore amica che abita a Parma ( io abito a Cagliari, mi ci è voluto un pò per raccimolare i soldini per l'aereo ) , aver cominciato a mettere da parte parte della cifra per il corso di trucco per spose ( mancano tanti altri soldini, ma l'importante è cominciare ) , essere riuscita a stringere ancora di più il rapporto che ho faticosamente recuperato con mia sorella maggiore, che pensavo fosse irrimediabilmente perso... E poi di sicuro la promessa che io e il mio fidanzato ci siamo fatti di andare a vivere insieme appena possibile, perchè dobbiamo essere l'uno la famiglia dell'altro. Spero che il 2014 mi porti belle sorprese :3

    ReplyDelete
  6. Quest'anno mi sono laureata e ho passato una bellissima estate in quell'isola magica di Formentera, di contro però sto vivendo un brutto problema di salute in famiglia che mi fa pensare che rinuncerei volentieri tutte le cose belle che mi sono successe per far stare meglio mio fratello!speriamo il prossimo anno inizi meglio di come questo sta finendo!! Un bacione e buon natale!

    ReplyDelete
  7. Quest'anno è stato molto particolare per me.. Sono successe delle cose brutte che però mi hanno fatto diventare più grande e matura e capire quali siano le cose importanti della vita e soprattutto di tenersi strette le persone più importanti. Ho rischiato di perdere per ben due volte colui che rende le mie giornate sempre più belle e mi fa innamorare sempre di più, ma ho capito che quando lo stavo perdendo, era una delle cose più belle che mai mi erano capitate. Alla fine dei conti, questo 2013 è stato un po' a metà tra l'essere bello e non esserlo per niente. Però sono contenta perchè mi ha portanto tante novità nella mia vita come ad esempio nuove amiche che ho conosciuto virtualmente, il mio coniglietto Semola, la mia quasi patente, nuovi cuginetti/e, nuove amicizie, la maturità 2013, l'università e nuove colleghe con cui fare amicizia e nuove avventure.
    Spero che il 2014 sarà il mio anno, quello in cui di cose brutte ce ne dovrebbero essere davvero poche.
    Baci e spero che anche il tuo 2014 sarà favoloso xoxo

    Sul mio blog oggi si parla nuovamente di beauty con una recensione di un nuovo prodotto Jean Louis David, vieni a leggerla!
    xoxo

    Chiara from Vogue at Breakfast

    ReplyDelete
  8. Se parliamo in un conto lavorativo, il 2013 ha fatto schifo come il 2012 e il 2011 e il 2010...

    Ma la cosa più bella e l'aver visto un'amicizia nata da qualcosa di frivolo come il makeup aumentare e rendersi anche reale. I 10 anni di fidanzamento con il mio amore (che tutti dicevano non sarebbe durato per il mio caratteraccio >.< ). Le piccole cose carine che mi capitano durante una passeggiata fosse anche solo la carezza ad un gatto e una bimba che ti fa un sorrisone dopo che tu gli hai fatto la linguaccia.

    Certo, non avere certezze economiche mi butta giù un sacco, esco pochissimo ed evito spese pazze. Ma sono qui, combatto e mi rialzerò.

    ReplyDelete
  9. Direi che il mio 2013 è stato un anno a metà, un po' brutto e un po' bello.
    Ho avuto qualche (beh, forse qualche è un eufemismo, anche se di solito cerco di ironizzare molto su quello che mi succede) problema personale, che si è tradotto in un'estate davvero pessima. Ho fatto degli errori, se tornassi indietro forse mi comporterei diversamente ma in fondo tutto è servito per capire che non volevo perdere una persona importante. Sto anche perdendo un'amica di lunga data, che conosco dal liceo. L'università per me è una fatica, non l'ho mai nascosto, ma sto cercando di darmi una mossa e ho "solo" più due esami e la tesi.
    Ma parlo delle cose belle dato che giustamente vuoi leggere quelle :D
    Innanzitutto non sono una persona che ha molte amicizie, sono sempre stata timida e mi serve tanto tempo per entrare davvero in confidenza con qualcuno. Nonostante ciò il 2013 è stato bello perché ho avuto le mie (poche ma buone) amiche che mi hanno sostenuto quando appunto avevo dei problemi, quando cercavo di non ammorbare tutti con le mie lagne ma qualcosa mi scappava comunque. Non facciamo grandi cose, nottate in discoteca o falò sulla spiaggia o quello che si vede nei telefilm americani, ma quando ci troviamo a casa di una o dell'altra per una cena o usciamo a berci una birra le risate ci sono sempre ;)
    E' stato un bel 2013 per i viaggi, io amo viaggiare e mi ritengo fortunatissima perché ho l'opportunità di farlo. Quest'anno poi è andata particolarmente bene, dato che sono stata in quattro posti. Non mi posso proprio lamentare!
    E' stato un bel 2013 perché finalmente ho imparato che a stare sempre zitta, a farmi sempre andar bene tutto, a non dire mai le cose come stanno per paura di offendere qualcuno non ci guadagno. Penso di non aver mai risposto male a qualcuno nella mia vita, ma finalmente quest'anno ce l'ho fatta. E' stato talmente liberatorio che mi è sembrato di essermi tolta un macigno da dosso, adesso capisco perché gli altri ogni tanto sbottano e poi si sentono meglio :D
    E' stato un bel 2013 perché ho cucinato dolci, riso, mangiato cose buone, letto tanti libri, cantato in macchina da sola tornando a casa, dormito. Non ho una vita che si può definire entusiasmante, tante volte vorrei sentirmi più ggggiovane e comportarmi come tale (perché in fondo ho "solo" 26 anni, non sono ancora materiale da tomba XD), mi lamento sempre, ma in fondo so che quest'anno, come tanti prima di lui, è stato più bello che brutto e ne sono felice :)

    ReplyDelete
  10. Oh *_*
    Quest'anno è stato abbastanza positivo per quel che mi riguarda, negativo per quello che riguarda la mia famiglia. Ma tra un problema economico e l'altro in questo periodo di crisi, tra le persone che si avvicinano e poi se ne vanno, quello che ha fatto star bene me è stato dapprima il diplomarmi con i voti che speravo dopo tutto il duro impegno, il fatto che la mia relazione abbia finalmente dato il meglio di sé e che finalmente i problemi di una relazione a distanza si stiano risolvendo. Sì ecco, diciamo che questa è la cosa che più mi ha resa felice quest'anno, insieme al riuscire a passare un test che sembrava impossibile per l'università, iscrivermi alla facoltà che desideravo, vedere i primi risultati; avere la famiglia e le persone che si amano affianco, nel bene e nel male è una delle più belle cose. E' stato anche l'anno in cui ho iniziato a prendere sul serio il mio blog, e come te, anche se sono un po' diversi, ho iniziato a vedere i primi risultati che sono sempre entusiasmanti. Il 2013 è stato abbastanza problematico, ma posso pensare ad infinite cose belle che sono accadute, che lo hanno reso migliore, e in fondo qualche anno fa non ho avuto la fortuna di pensarlo, quindi spero vivamente che anche il 2014 non sia da meno!

    Grazie dell'opportunità, e buone feste! ♥

    ReplyDelete
  11. Intanto, grazie per questo contest! :) Bellissimi i premi, io punto alla Naked Basics, lo ammetto! Hihi ♡

    Quest'anno è stato davvero particolare, tra cocenti delusioni, momenti bui, brutti spaventi ma anche qualche bella soddisfazione. Di recente ho avuto problemi di salute in famiglia, per non parlare di altri casini personali... però oggi sono molto felice. Un'oretta fa mi hanno chiamata e sono stata presa per un lavoro che mi piace moltissimo, da qualche settimana la mia personcina ha preso un appartamento per conto suo e stiamo cominciando a chiamarlo "la nostra casa", e last but not least quest'anno è pure uscito un album dei Placebo. Se conto anche tutte le persone splendide che ho conosciuto quando durante il mio Servizio Civile, è stato un anno davvero ricco e da ricordare. Credo e spero che d'ora in poi non potrà che andare meglio :°)

    Grazie ancora, Drama!!

    ReplyDelete
  12. Oh ma quanta dolcezza e tenerezza S.! *-*
    Purtroppo questo è stato un anno tanto triste e travagliato, in cui ho perso persone che pensavo a me vicine e in cui ho capito che nel momento del bisogno le persone che ti stanno davvero accanto son proprio poche. Da questo anno tanto antipatico con me però ho capito che l'aver perso ciò che più amavo, la mia mamma, mi ha costretto a tirarmi su e ad uscire del quel guscio che mi ero creata negli anni per cercare di cogliere la felicità anche nei momenti più tristi.
    E allora il mio gatto coccolone e monello che tira giù i decori dall'albero mi scalda il cuore, il fidanzato che arriva in ritardo ma porta un cesto delle verdure che più mi piacciono mi fa sentire tanto amata, la neve che blocca le strade mi fa sorridere perchè grazie a lei posso passare la giornata con la sorellina che non andrà a scuola. Tra tutte poi una cosa che mi rende tanto felice è il tirocinio perchè finalmente dopo tanto studiare sentirsi chiamare "maestra" dai miei bimbi mi ricorda quanto preziosa e stupenda sia agli occhi di questi cuccioli la vita.
    Spero dunque in un anno nuovo più sereno e auguro a te tante tante cose belle perchè il tuo blog è uno di quei "posticini tranquilli" che nei momenti un pò tristi aiutano a sorridere e a pensare a cose belle :)
    un grande grande abbraccio, Michela.

    ReplyDelete
  13. Che coccola sei *-*
    Quest'anno sono successe tante cose belle ma purtroppo anche altrettanto brutte e tutte indifferentemente hanno portato emozioni che hanno lasciato un segno nel mio cuore. E' Natale e non mi và di pensare alle cose brutte, anche se esistono e fanno parte della mia vita, mi piace pensare solo alle cose belle e donare un pò di spensieratezza a chi non riesce a vivere intensamente l'armonia e la magia di questa festa. Una delle cose belle che il 2013 mi ha portato è stato un lavoro, anzi IL LAVORO, quello per cui ho studiato e per cui mi batto e prego ogni anno affinchè possa tornare ogni anno. Non di minore importanza sono stati i rapporti che si sono saldati nel tempo e quelli nuovi...stringere amicizia con te è stata una delle cose belle che questo anno, ormai quasi agli sgoccioli, mi ha portato!
    Spero che il nuovo anno possa regalarmi ancora tante emozioni e possa farmi vivere in pace, serenità e amore ma soprattutto in salute, con le persone che amo. Grazie per avermi dato l'opportunità di esprimere il mio pensiero, ancora una volta.
    Sei una persona speciale :)

    ReplyDelete
  14. Diciamo che quest'anno non è stato il mio anno più fortunato.. Me ne son capitate di tutti i colori! Non sono successe grandi cose belle.. Sono le piccole cose che hanno fatto la differenza! Ho avuto delle persone accanto a me che sono state stupende, e mi hanno aiutato molto. L'amicizia vera è la cosa più bella che mi è successa !!

    ReplyDelete
  15. Ciao! E' bellissimo leggere tutti questi commenti, uno di seguito all'altro. si capisce qualcosa in più di questa nostra generazione. ci sono tante ragazze che ogni giorno si alzano, combattono per avere un lavoro, una casa. si accontentano di un buon amico e cercano di far funzionare una storia d'amore. credo che sia bello pensare che quando abbiamo un problema non siamo sole, perchè tante come noi stanno combattendo. un blogh, un social network, può essere anche un modo per condividere gioie e dolori. il mio 2013 è stato un anno di preparazione. l'anno prossimo mi sposerò e la mia vita cambierà. è stato un anno anche ricco di cose belle e il mio nuovo blog è una di queste. sono felice di aver conosciuto attraverso di esso delle ragazze come voi. l'anno prima del matrimonio è speciale perchè tanti amici si fanno vivi per dirti che ti vogliono bene. indubbiamente sono una persona fortunata e cerco ogni giorno di meritarmi lòe cose belle che ho e di aiutare (anche con il mio lavoro) le persone in difficoltà. ciao!

    ReplyDelete
  16. Il 2013 è stato un anno importante per me. Quello giusto per diventare adulta, uscire di casa, fare un salto nel vuoto e scoprire che non è poi tanto male.
    Il mutuo ci fu approvato dopo mille sospiri il 17 gennaio. L'11 febbraio eravamo emozionati e tremanti davanti un austero notaio per il passaggio di proprietà della nostra casetta. Il frutto di 8 anni di fatiche, dell'aiuto impagabile dei nostri genitori, dei risparmi accumulati a fatica. E soprattutto di un amore che oggi come 8 anni e mezzo fa è ancora la cosa più bella che mi sia capitata.
    Il 30 aprile eravamo a montare i primi mobili. Il 15 giugno ci siamo trasferiti, proprio il giorno in cui lui ha compiuto 30 anni. Non dimenticherò mai quell'ultimo pranzo frugale in quella che ormai è solo la casa dei miei genitori. Ero da sola con mio fratello, ridevamo e pensavo che quello era l'ultimo giorno uguale ai precedenti. Si chiudeva un ciclo, avevo un groppo in gola. Da una parte avrei voluto piangere, dall'altra gridare.
    E poi il viaggio in macchina. Quei 130 km con l'auto piena zeppa dei miei averi più importanti. Pensavo che la mia vita era stipata lì dentro e che me la stavo portando dietro. Poi quel giorno in cui comprammo la mia cassettiera Ikea. La fatica incalcolabile per trasportarla sulle scale, poi anche su quelle a chiocciola. 31 kg che poi lui avrebbe montato piano piano, pezzo dopo pezzo. Il nostro primo albero di Natale, solo pochi giorni fa.
    Se ripenso a tutto questo ho ancora le lacrime agli occhi. Il 2013 è stato un anno importante, denso di significati, di avvenimenti, di emozioni incalcolabili. Quello in cui finalmente ci siamo presi per mano e abbiamo deciso di vivere insieme la nostra vita. Con paura, desiderio, dedizione. E forse un pizzico di follia, quella che contraddistingue le cose migliori della vita.

    ReplyDelete
  17. Io putroppo di cose belle quest'anno ne ho avute poche e sono tra quelle che spera un 2014 migliore.
    E' bello però avere una famiglia che amo, con cui mi arrabbio tutti i giorni ma con cui rido anche tanto, aver conosciuto nuove persone con la mia stessa passione tra cui te, avere ancora un lavoro che bello o brutto che sia mi permette di vivere dignitosamente, avere la salute... e magari tante altre cose che sembrano retoriche che ora non ricordo ma che sono davvero il sale della vita, della mia almeno ;-)

    ReplyDelete
  18. ciao Drama!!anche se ti seguo da tanto mi sono iscritta da poco ;)
    Ripensando a questo 2013, non posso che essere felicissima perchè il bilancio è nettamente positivo. Per prima cosa sono riuscita a laurearmi in tempo e anche con un bel voto. é stato un traguardo che mi è costato sacrifici e tanto ma tanto impegno, dedizione e volontà! Quest'estate è stata un incubo, ho dato un numero di esami assurdo e sono arrivata a settembre che me ne mancavano solo due...peccato che stremata com'ero sono stata ad un passo dal lasciarmi andare..Ma sono riuscita anche in quell'ultimo sforzo e so di aver reso fiera la mia famiglia e i miei amici, ma soprattutto sono io che sono stata proud of myself!! Sono anche riuscita ad entrare in magistrale, cosa che dato lo stato emotivo in cui avevo fatto il colloquio non era affatto scontata (era due giorni prima degli ultimi due esami...schiacciata com'ero dalla pressione, non ero in me..)
    Per seconda cosa, io e il mio ragazzo abbiamo in progetto di andare a vivere assieme entro un annetto e negli ultimi mesi abbiamo iniziato a pensare all'arredamento (tenendo conto di cosa ci possiamo permettere è ovvio)..insomma andare in giro per questi negozi di mobili è super esaltante, immaginare, farsi mille film in testa! Inizierà un capitolo tutto nuovo, è proprio una grande svolta! Allo stesso tempo, però, sono nate nuove paure..l'ansia che qualcosa vada storto, che magari non saremo in grado di convivere sereni..Tra me e il realizzarsi di questo progetto c'è di mezzo solo "un lavoro"..in pratica un oceano di difficoltà!! Devo assolutamente trovarlo per potermi trasferire (lui lavora serio, ma io no solo robe saltuarie e ovviamente servono due stipendi XD)..e quindi il 2014 sarà all'insegna dello studio intensivo -che novità!!! :( - per finire nei tempi la magistrale e della ricerca di uno stage/lavoro. Comunque, dati gli anni passati, che sono stati proprio bui e difficili e in cui mi sembrava di vivere in un tunnel senza fine, un 2013 di incredibili (anche se un po' spaventosi) cambiamenti mi serviva proprio per ritrovare un po' di speranza e di grinta.
    Buon Natale S!!

    ReplyDelete
  19. Che dolce che sei, mi sono emozionata a leggere le tue parole...
    Quest'anno è stato migliore rispetto ai precedenti e, anche se poteva sicuramente andare meglio sotto tantissimi punti di vista, mi rendo anche conto che posso guardarmi indietro e trovare tantissimi momenti belli.
    Primo tra tutti il più bel compleanno che avessi mai potuto festeggiare. Già pensavo che sarebbe stato speciale, a Torino, con il mio fidanzato, ma quando alle 3 di notte mi sono ritrovata davanti il biglietto per Milano e ho realizzato che avrei trascorso la giornata con la mia lovvofamiglia allora ho capito che sarebbe stato unico e indimenticabile. Vedere persone da varie parti d’Italia riunite attorno ad un tavolo con me e per me mi ha fatta sentire speciale e fortunata. E lo sono davvero. Fortunata intendo.
    E’ stato bello, quest’anno, avere con me il mio papà, in salute. È stato bello continuare ad avere con mamy quel rapporto speciale che abbiamo sempre avuto, che ci porta a scannarci l’attimo prima e ad abbracciarci quello dopo.
    Un altro momento che non scorderò mai è la faccia del mio fidanzato quando mi ha visto davanti a lui la mattina del suo compleanno appena sveglio e subito dopo quando ha trovato la tavola imbandita con pancakes e sciroppo d’acero per colazione. La festa a sorpresa e la torta al cioccolato delle frecce tricolore che sono riuscita a fargli.
    Meraviglioso è stato poter conoscere di persona i membri del mio gruppo preferito, scoprendo che non sono solo talentuosi ma anche belli dentro e grazie a loro conoscere belle persone, che apprezzano la buona musica, una bella chiacchierata e l’amicizia vera.
    Un momento bello è stato quando sono riuscita a visitare Matera, splendida, ed il weekend trascorso in Basilicata in un paesino piccolo e sconosciuto. Tre giorni da sogno!
    I pomeriggi al mare, a mollo nell’acqua bollente, fino a quando il sole calava piano e cominciavo a rabbrividire. Tornare a casa, fare una doccia veloce e aspettare il mio fidanzato per cenare insieme sotto le stelle. E parlare fino a tardi o passeggiare per le strade del paese, agognando un po’ d’aria fresca.
    Riuscire a fare un regalo importante a mia madre e vederla commuovere quando siamo arrivati dopo pranzo con una mini torta e la candelina accesa.
    Sapere che la mia amica del liceo è incinta, vivere con lei i problemi di una gravidanza che sembrava volgere al peggio e tirare un respiro di sollievo quando alla fine invece sembra essere ritornato tutto a posto.
    Arrivare a Bologna, a Novembre, trovare di nuovo la mia lovvofamiglia riunita per festeggiare Monica, una delle persone più importanti della mia vita. Riuscire a farle una sorpresa bellissima e vedere la sua faccia stupita e commossa. Con il mio fidanzato al mio fianco…
    E adesso sono qui, e non posso non ringraziarti per avermi fatto ricordare tutte queste belle cose. Sono qui, facendo il conto alla rovescia: venerdì arriva lui e passeremo le feste insieme. E so già che il prossimo anno non sarà facile, che ci saranno tante prove da affrontare e spero di riuscire a farlo.
    Buone feste Drametta.

    ReplyDelete
  20. Ciao, come dicevi anche tu l'anno 2013 è stato difficile per molti, per me è stato molto intenso e in alcune parti difficile certo, ma penso che molte delle cose peggiori che sono successe siano alla fine cambiamenti anche radicali che mi portano ad essere una persona migliore, almeno spero. Per cui tra le cose migliori del 2013 voglio inserire tutto anche le cose brutte: in ordine cronologico da dicembre 2012 a marzo 2013 sono stati 4 mesi senza stipendio, in cui ho però lavorato ad una cosa (anzi più di una), che sta dando i suoi frutti; a maggio ho fatto l'esame finale di dottorato, questa è una cosa universalmente bella, ma come tutti i traguardi una volta che li superi c'è solo da andare avanti; a giugno ho visto riconosciuto il mio lavoro all'estero vincendo un posto ad helsinki a cui il mio prof mi ha imposto di rinunciare perché ad agosto abbiamo vinto un progetto europeo (di cui però si saprà solo a marzo 2014 se io vedrò con certezza i frutti); a settembre ho lasciato l mio ragazzo dopo 7 anni di storia di cui quasi 3 di convivenza e questo è stato forse il cambiamento più radicale e difficile, perché dopo tanto tempo mi sono trovata da sola misurarmi con il mondo, anche se siamo rimasti ottimi amici e quindi in un certo senso anche questo è positivo perché mi ha spinta ad uscire dal mio giardino e misurarmi ancora con me stessa! è anche un'occasione per fare cose nuove per esempio il lucca comics ;). In quest'anno complesso però ho capito che è vero che bisogna contare su se stessi, ma avere tanti amici aiuta e ho scoperto che anche i rapporti virtuali possono essere la base per rapporti reali molto forti. Grazie a te S. della compagnia, come sempre, e degli spunti di riflessione, come diceva Alessandra ieri sei una persona meglio!

    ReplyDelete
  21. Questo è stato un anno molto difficile. Ho avuto problemi d'ansia e di depressione, e un esaurimento nervoso di cui ancora mi porto gli strascichi.
    Paradossalmente (o forse no), i momenti belli sono legati a questo. "Crisi" per me è sempre stata una parola positiva, una possibilità di cambiare, di migliorare, e anche in questo caso ho cercato di prendere il meglio. Mi sono rimboccata le maniche, ho risolto problemi che erano sepolti e silenti nel mio animo da molti anni. Ho affrontato tutto quello che mi si parava davanti a sbarrarmi la strada. Sono riuscita a non mollare e andare avanti nonostante qualsiasi cosa. Ho imparato a chiedere aiuto, a comunicare, mi sono aperta di più coi miei, si è creato un clima più disteso in famiglia. Non mi sento più in obbligo di dimostrare niente a nessuno, mi sono fatta nuovi amici, me ne sono tolta di torno un paio che non meritavano neanche il mio tempo. Ho aperto gli occhi e accettato, scoperto cose che mi stavano davanti ma non volevo vedere, e ho ridimensionato i rapporti con molte persone. Sono più spontanea, più serena, anche più affettuosa. Da ottobre ho anche un lavoretto, da poche ore a settimana ma comunque abbastanza per tutti i miei sfizi e qualcosa di più, ho fatto altri corsi, ho preso nuove qualifiche, e tutto perché ho ricominciato a prendere coraggio e buttarmi, provare, rischiare. È stato un anno da incubo, visto dal di fuori, ma per me è stata una porta aperta su un nuovo mondo di unicorni e arcobaleni! :)

    ReplyDelete
  22. Quest'anno non è stato proprio facile, diciamocela. Però qualcosa di positivo c'è stato: ho ritrovato amici persi, me ne sono fatti di nuovi, ho avuto il coraggio di cominciare nuove esperienze e di lasciarne alcune vecchie che ormai "avevano fatto il loro tempo". E chissà, proprio in questi ultimi giorni mi si è aperta una possibilità in cui spero molto. Sarebbe un degno modo di concludere questo 2013. :)
    Un bacio, S.
    Grazie per l'opportunità e buone feste!

    ReplyDelete
  23. Carissima, il 2013 è stato a dir poco osceno. Poco lavoro, malattie in famiglia, amicizie rovinate. Però una cosa è successa, una di quelle che azzerano tutto. Ho trovato a 31 anni l'amore. Molto più piccolo di me ma con una testa che i 30 enni di oggi si sognano. Ecco, sapere ogni mattina che lui è nella mia vita mi fa affrontare tutto in maniera migliore.
    come dicevano gli 883 [un pò rivisitati da me..] basta una cosa cosi a cancellare 120 giorni stronzi.
    Buon Natale
    Mercoledi [ex Snow White]

    ReplyDelete
  24. Eccomi! nuova iscritta grazie a Being cute is not a crime e The most beautiful makeup is confidence, le quali hanno condiviso il link al contest ^_^
    Prima di tutto grazie per la possibilità e per gli ottimi prodotti che hai scelto *_*
    Per me questo 2014 è volato in un attimo, ergo sto invecchiando °___°
    Non è stata un'ottima annata per due neo-sposini squattrinati, l'affitto da pagare e le bollette : /
    Però sono sempre stata dell'idea che "finchè si ha da mangiare e di che coprirsi.." (cit.) bisogna cercare di sorridere e guardare le cose belle della vita.
    Avere accanto una persona che ti ama e ti sostiene nelle tue scelte, con dietro una famiglia che anche a km di distanza ti fa sentire il calore del loro amore.
    Svoltare, accantonare gli studi dopo una laurea e immergersi in qualcosa che ti appassiona e dal nulla cominciare truccando le prime due spose, vivendo insieme a loro quello che sarà uno dei loro giorni più belli.
    Godere di una buona salute (tutto sommato) e mangiare del frutto della terra che coltivi con la tua dolce metà.
    Queste cose belle oscurano le cose brutte, fanno passare in secondo piano le difficoltà economiche che ti creano ansietà e dispiacere. E sopratutto ti fanno tirar su le maniche per affrontare un nuovo anno, sorprendentemente, con più forza di prima! XD
    Spero che anche il vostro 2014 sia ancora meglio del 2013 che ci sta salutando!
    Baci,
    Ziminettina Mu

    ReplyDelete
  25. Non sono una gran fan dei contest in genere, ma i tuoi mi piacciono sempre perchè li proponi in modo originale e scegli sempre prodotti carini (sì, io sono una pro marrone e pro rossetti-potenti U.U)
    Le cose belle... ahahah bella domanda! Non è stato un buon anno (come quelli precedenti dopotutto -.-), ma credo che il fondo sia stato almeno intravisto quindi il 2014 ha buone possibilità per essere un anno migliore! Ho trovato un pseudo lavoretto e sono tanto contenta. Essere felici per una media di 3 ore lavorative settimanali è un po' triste, ma è più di quanto mi aspettassi sinceramente. Ed anche in ambito lavorativo guardiamo le cose positive, quelli che mi fanno i complimenti perchè sono brava come una commessa, quelli che chiedono a me e a me soltanto come usare gli sconti e dove trovarne altri, e perchè no, anche il tipo che ieri mi ha urlato "gran culo rossa!" (ma se mi chiama "rossa" un'altra volta lo seppellisco con uno schiaffo!).
    Sono riuscita a dimagrire! Diuretico e ginnastica (che tipo potrei anche riprendere a fare), non tutta questa parte è positiva, ho perso peso anche perchè sono stata male, ma sono comunque contenta perchè ho trovato il modo per migliorarmi. Oddio, se facessi addominali e mi ingozzassi di meno sarei presa meglio, ma non si può: io amo mangiare! U.U
    Il blog! Bello lui! Pensavo che sarebbe rimasto sconosciuto al mondo e che nessuno l'avrebbe letto, ma non è stato così! Ho pochi iscritti, ma sono contenta che sia stato letto quasi 30.000 volte! Mi ha aiutata tantissimo e ho tante idee per lui per l'anno nuovo!
    Sono stata forte! In genere non sono una che ha bisogno di tirare fuori le palle, ma a luglio sono stata parecchio male ed ho avuto un mese di crisi. Però poi mi sono alzata, mi sono pure strappata un muscolo facendolo, ma questa è un'altra storia. Sono contenta, non pensavo l'avrei mai fatto, ma ora sono in piedi, sono arrabbiata (come sempre) e ho la frangetta (non c'entra ma ci stava)!
    Infine: ho allevato, coccolato e viziato in tutto 10 gattini quest'anno. Belli loro <3
    E basta (era ora!), questo è tutto. Complimenti per l'iniziativa, grazie per l'opportunità, e buon 2014 <3

    ReplyDelete
  26. Il 2013 per fortuna non è riuscito a essere orribile e tremendo come il precedente, per cui gli sono quasi grata. L'evento dell'anno è stato sicuramente riuscire a ri-laurearmi quando il mio prof. ha fatto di tutto per impedirmelo (yei), essere a Milano in quei giorni con i miei migliori amici e la mia famiglia è stato emozionante. Un'altra cosa che ho amato del 2013 è stata riuscire a vivere a Milano per un periodo più lungo, più stabile (la stabilità non è di casa da diversi anni ormai), fare cose da milanesi come andare al mare a Marina di Ravenna coi miei amici (mi viene da ridere al pensiero!), ed esserci quando avete organizzato gli incontri tra bloggerZZZ per conoscervi, finalmente. Se fossi rimasta giù non sarebbe successo! E credimi, anche se sembro una stalker, vedervi è stata una gioia immensa.

    Non è stato un anno ricco di chissà cosa, anche se ho lavorato per quasi 9 mesi, però sono contenta perché nella sua totale normalità sono riuscita a trovare degli spiragli di felicità, felicità semplice (per esempio non faccio un viaggio serio da un sacco ormai, cosa che normalmente mi riempie di gioia, ma sono riuscita a tornare a Pantelleria, mio grandissimo amore) - ecco, questi spiragli mi hanno permesso anche di innamorarmi di nuovo di Milano e della mia vita, delle mie scelte.

    So che sembro iper stucchevole per la smetto, ma devo dire che questo contest è stato un ottimo pretesto per me per guardarmi indietro e sorridere un po'. Grazie S.!

    ReplyDelete
  27. anno difficile anche per la sottoscritta... mi chiedo ogni volta se ci sarà un periodo migliore.. comunque la cosa piu' bella è stata vivere e arredare la casa dove ci siamo trasferiti io e il mio ammmooVVe. Godersela, prendersi cura del giardino e veder arrivare una micia, tanto magrolina e pucciosa che ora è un barilotto con le zampe <3
    spero davvero che per tutti possa esserci un pò di serenità, che si possa intravedere uno spiraglio.. poi le cose materiali arrivano tutte dopo (ma tu hai scelto dei prodotti davvero bellizzimiiii) *_*
    ti abbraccio cara!!!

    ReplyDelete
  28. Wow, regaloni! Tutte cose che a una fanciulla fanno sempre piacere ^^
    Il 2013 per me è stato un anno meraviglioso, dall'uno gennaio fino ad adesso e lo sarà fino al 31. Ho trovato l'amore, la laurea, ho stretto rapporti, abbandonato mele marce, insomma non potre essere più contenta. Come ho scritto nei ringraziamenti della mia tesi "Grazie alla vita che mi ha dato tanto", come cantava Gabriella Ferri!
    Buone feste :)

    ReplyDelete
  29. Noto con estrema tristezza che non sono l'unica a lasciare un anno difficile alle spalle...è stato un anno di stand-by per la mia vita..dopo il tanto sognato traguardo della laurea mi sono sentita persa..senza obiettivi e aspirazioni..giorno dopo giorno ho iniziato sempre di più a pensare che quel pezzo di carta per cui ho sacrificato 5 anni della mia vita non serve a niente!! Comunque nonostante questo voglio ringraziarlo questo 2013 perchè mi ha riportato l'amore e ora sono pronta e desiderosa di affrontare questo nuovo anno, con la speranza di ritrovare la mia strada e di avere un pò di serenità e felicità per le persone che mi sono accanto!!
    Un bacio e buone feste!!

    Chiara

    ReplyDelete
  30. La prima cosa che mi viene è sicuramente la mia laurea: si è rivelata, in realtà, essere molto diversa rispetto alle mie aspettative. Papà non c'era perché per l'emozione è stato malissimo tutta la mattina, però ero comunque circondata da tantissime persone che mi apprezzano e che mi vogliono bene. I miei parenti si sono fatti un bel viaggetto per arrivare.

    E poi...tutta la preparazione della tesi: di certo ero in preda all'ansia, di certo temevo di non riuscire a finirla per tempo, di certo non mi reputavo all'altezza di un argomento come quello che ho trattato...ma alla fine è andato tutto bene ed è stata un percorso memorabile ed incredibilmente formativo.

    Il 2013 non è stato un anno molto positivo per certi versi e per buona parte ma al solito i ricordi belli, come gli avvenimenti memorabili, aiutano a guardarsi in dietro e a volgere un sorriso a quelle che sono state le avversità. Non riesco a trovare un lavoro, continuo ad incappare in situazione spiacevoli, ma nonostante ciò non voglio perdere la speranza, per nessun motivo al mondo. A 25 anni non si può! Perciò non posso non pensare che il 2014 sarà sicuramente una bomba! In senso positivo :)

    ReplyDelete
  31. Leggendo tutti i bellissimi commenti qua sopra mi sento un po' una merda a lasciare il mio, ma in tutta la sua superficialità vedere i Jesus and Mary Chain è stato il momento più bello dell'ultimo anno e non solo. Sono passati sette mesi e continuo a scoppiare in pianti disperati ogni volta che li ascolto (leggi: tutti i giorni) ovunque mi trovi e credo che dedicherò 4365537468 caratteri a questa cosa nel classificone di fine anno.
    Ahh, che prezioso intervento!

    ReplyDelete
  32. D'oh, avevo commentato dal cellulare ma non ha inserito il commento!
    Allora ricominciamo. Dicevo che il 2013 per me è stato un anno cominciato in sordina, uno come tanti altri. Poi però è stato tutto un crescendo di emozioni e colpi di scena. A partire da giugno, quando il mio fidanzato, all'improvviso e inaspettatamente, mi ha chiesto di sposarlo. Sono stati momenti folli, io preparavo un esame - l'ultimo - e non riuscivo a concentrarmi per la gioia e la frenesia di dirlo a tutti. Poi è venuto il momento di conciliare la scrittura della tesi coi primi preparativi, la ricerca della location le cui date andavano letteralmente a ruba, la scelta del giorno e tanto altro. Per poi annullarmi completamente nello studio da fine luglio ad ottobre, quando - finalmente - ho conseguito la laurea magistrale. Il tutto circondata dall'affetto e il sostegno dei miei cari, presenza costante e preziosa. Ora vivo nel costante fervore, ogni giorno un'idea nuova per bomboniere, segnaposto.. Stiamo cercando di fare delle cose originali ma più possibile fai da te: i nostri genitori ci aiutano economicamente ma non è certo tempo di sperperare! Alla fine siamo giunti di comune accordo all'idea di regalare dei libri come bomboniera: non il solito soprammobile, e magari invogliamo anche i più pigroni a una sana lettura! Dentro ogni libro vorremmo scrivere questa citazione di George Martin: "A reader lives a thousand lives before he dies. The man who never reads lives only once" La adoro.Tra tutte le emozioni legate ai preparativi però la più grande è stata la scelta dell'abito: non immaginavo quale effetto avesse! Mi ha lasciato dei ricordi bellissimi con la mia famiglia che ricorderò per sempre. L'unica nota stonata in questa specie di idillio è la mancanza di un lavoro. E' triste dopo aver faticato tanto vedere quanto sia difficile trovare un posto. Finché ero studentessa ero ottimista al massimo, ora che la realtà mi si è parata davanti comincio a tentennare. Ma non demordo! E spero che l'anno nuovo sia ancora bello come questo... Se penso che davvero sto per sposarmi mi viene il panico! Un bacione Drama!

    ReplyDelete
  33. Ciao Drama!
    Il 2013 per me è stato un anno difficile: dopo due anni di relazione e poco prima di iniziare il percorso della convivenza, ho scoperto il "difetto" dell'infedeltà cronica che aveva il mio fidanzato. L'ho scoperto per caso, il 1 aprile (il così detto pesce d'aprile...) e ovviamente ho posto fine in modo immediato alla nostra storia.
    Per qualche mese i momenti felici sono stati assenti, fin quando (un giorno) ho capito che la mia serenità non doveva dipendere nè da un ragazzo, nè da qualsiasi altra persona e così ho cominciato a vedere i lati positivi della mia situazione: avevo evitato la convivenza con il ragazzo sbagliato e avevo mantenuto integro il mio orgoglio!
    Da allora i momenti felici sono stati tanti...mi sono regalata uno smartphone (il potere della comunicazione!), ho aperto un blog che mi ha permesso di conoscere tante ragazze (con una è scoccata proprio una bella amicizia ;-) ), ho superato l'ultimo esame all'università, sono diventata zia per la seconda volta di una bellissima bambina (e sono stata scelta come sua madrina!) e ho trovato un lavoro temporaneo (meglio di niente, no?!).
    Quindi credo che la felicità arrivi quando impariamo ad essere ottimisti e positivi e che non sia produttivo chiudersi nella propria "infelicità", ma valga sempre la pena di aprirsi al mondo e a tutte le cose belle che ha da offrirci!
    Dunque, nonostante un inizio un po' burrascoso, il 2013 è stato per me un anno di svolta pieno di cose bellissime!
    Un bacione

    ReplyDelete
  34. Eh in verità le cose belle che mi son successe hanno avuto praticamente tutte un risvolto di m***a per cui non saprei davvero cosa dire.
    porca pupazzola, chò la sfiga addosso -_-

    Credo di poter dire che una cosa bella non mi è successa ma l'ho fatta succedere io quest'anno, ossia ho adottato il mio secondo levriero dalla spagna che laggiù la situazione è pessima e quando non servono più li ammazzano brutalmente, senza contare quanto li maltrattino abitualmente perché per loro sono solo cose e non esseri viventi.
    Lei si chiama Lamù ed è una femminuccia bianca e nera :)

    ReplyDelete
  35. Ciao dama,

    Devo essere si c'era, da quest'anno mi aspettavo grandi cose, doveva essere il mio anno, quello giusto, ed in parte lo è stato. Mi sono laureata, un sogno che avevo nel cassetto, un sogno che molti durante la mia vita mi hanno detto che non ero in grado di compiere, alla faccia loro mi sono laureata, ho ricevuto tantissimi complimenti per la mia tesi e ho riempito di orgoglio il cuore dei miei genitori. Mi sono messa a dieta, solo due anni fa pesavo 130 kg, e la mia vita era sul filo di un rasoio, ho deciso di cambiare , di riprendere il mio corpo in mano, non solo per sentirmi più bella, ma perché ho un sogno ...diventare mamma...
    Quindi tutto sommato e stato un bel anno, che ha portato via con se tante false amicizie, tanti kg, e tanta soddisfazione, l'unica cosa che manca e un lavoro stabile, ma mancano ancora 15 gg alla fine dell'anno, magari possiamo concludere in bellezza....

    Una bacio !

    ReplyDelete
  36. In realtà il 2013 è stato l'anno più brutto che ho avuto da... beh, se mi fermo a riflettere credo sia stato l'anno più brutto che io abbia mai avuto nella mia non tanto più giovine vita! Senza indugiare in particolari è successo un po' di tutto, roba che nemmeno in un semestre di Beautiful. Però però... sono ancora qui, e nonostante gli schiaffi presi dalla vita sono ancora più forte e convinta di quello che sono e che posso essere. Quindi questa è la cosa più bella che mi è successa nel 2013: ho preso coscienza del fatto che sono capace di affrontare anche quello che pensavo fosse inaffrontabile, ed ho iniziato a credere in me stessa. Perché, ragazze mie, sembrerà un banalissimo luogo comune trovato in un biscotto della fortuna, ma la verità è che quando tutto intorno inizia a franare l'unica cosa da fare è convincerci di quanto valiamo e iniziare a dimostrarlo.

    Un abbraccio!!

    ReplyDelete
  37. eccomi qua.... partecipo... non posso perdermi un contest del genere...bhe io devo dire che per me il 2013 è stato un anno assolutamente positivo...
    se dovessi dire le cose più belle che mi sono successe quest'anno sono...il mio nuovo lavoro che mi da molte soddisfazioni...e soprattutto sono riuscita a rendere reale una passione che avevo da sempre...quella per i cavalli...che ora è diventata realtà...

    buona serata

    ReplyDelete
  38. Grazie di questo bel contest che mi dà la possibilità di fermarmi un momento a guardare cos'è successo nella freneticità di questo periodo.... Il 2013 è quasi volato ed è stato pieno di eventi. NOn tutti belli ma quello che emerge in questo attimo di riflessione è certamente che è stato un anno per reinventarmi.
    Il blog mi ha portato la possibilità di pubblicare una serie di ebook che parlano di una delle mie passioni ed anche se ora mi sto stressando per il volume che devo finire, sicuramente è una grandissima soddisfazione.
    Ho reinventato il mio lavoro che con la crisi si era un po' afflosciato e me ne sono costruita uno nuovo nella ditta di famiglia, con tanta voglia di fare e sentendomi come se vi appartenessi e non come se fosse un dovere...
    Grandi cambiamenti e grandi impegni, insomma...
    Sono 8 anni che mi sveglio felice perchè ho la persona che amo accanto a me e questo sicuramente vale i mille piccoli intoppi che il 2013 nella sua quotidianità ci ha portato, nel lavoro e nella vita... Gli amici intorno a me sono sempre una ricchezza e quindi anche pensare al fatto che oggi ho pagato le ritenute d'acconto, le bollette, l'iva e compagnia bella spendendo una barca di soldi faticosamente guadagnati non mi sembra onesto nei confronti di chi invece se la passa peggio...
    L'ago della bilancia segna un positivo insomma... e ti ringrazio per avermici fatto pensare...
    Manca solo una cosina ora, l'abbiamo cercata ma non è arrivata... chissà se nel 2014 riusciremo a realizzarla!? ;-) Tu e Blinky incrociate le dita!
    Buone Feste!
    Un bacio...

    ReplyDelete
  39. forse la cosa più bella che sia capitata in questo 2013 è stata l'arrivo di janis. l'arrivo completamente inaspettato di una batuffolosa cagnolina di 2 mesi. ora ne ha 9! ha portato un pò di scompiglio in casa, però devo dire che quando ti viene incontro quando torni a casa o quando ti guarda con quegli occhioni marroni grandi grandi, anche se hai passato una giornata non proprio perfetta, beh un sorriso riesce a strappartelo! mi auguro che questo 2014 mi porti tante belle novità, mi faccio concludere gli ultimi esami e mi faccia laureare...finalmente!

    ReplyDelete
  40. Ciao cara! Sono felice di leggere le tue parole di piccola gioia sul tuo blog e su chi ti segue.. per me è un piacere far parte di quel gruppo di persone che aspetta ogni tuo post, il tuo successo è assolutamente meritato ^.^

    Vorrei evitare di dire sempre le solite banali frasi sull'anno appena passato, ma il 2013 è stato uno degli anni più brutti della mia vita.. è stato l'anno in cui dopo 22 anni di vita ho preso consapevolezza di me, di chi sono, dei miei pregi e difetti, di come mi vedo e di come mi vedono gli altri, di cosa voglio essere e perché. Il tutto è scaturito da uno stupido e banalissimo evento, a cui sono susseguite domande, dubbi e che mi hanno portato ad un percorso di psicoterapia. Per la prima volta mi sono messa in gioco e ho cercato di osservarmi dall'esterno. E sto cambiando. Sto affinando quelle parti di me che non mi facevano vivere serena, cercando di capire quando e come deve contare il giudizio degli altri, quando è il momento di essere serena e come apprezzare a pieno i singoli momenti della vita che hanno il diritto di essere apprezzati. Ora sono felice. Perché è bellissimo quando tu ti senti bene e le persone intorno a te lo percepiscono, e ti dicono "dopo mesi finalmente il tuo viso è disteso". Spero che i piccoli miglioramenti che sto avendo si estendano al prossimo anno, con l'augurio che un po' di serenità arrivi per tutti.

    Un bacio, buona serata..

    ReplyDelete
  41. Il mio 2013 non è stato facile, tanti alti e bassi ripagati dallo svegliarmi tutti i giorni con chi amo... E non parlo solo del mio compagno, ma anche delle mie pelosine a cui si è aggiunto Rudy, il gatto rosso più ruffiano dell'universo. Tra i momenti più belli rimane anche la vacanza da mio fratello, è sempre una festa ritrovarci e mi spiace capiti poche volte l'anno. Aggiungo anche le 'chiacchierate' con alcune di voi, perché il blog mi ha messo in contatto con delle persone davvero simpatiche e speciali! Speriamo in un 2014 migliore per tutti, ma proprio tutti tutti!

    ReplyDelete
  42. Il 2013 è stato il mio limbo. Dopo aver concluso il 2012 con la mia laurea, ho cominciato a sentirmi sospesa. Molte cose sono comunque accadute, ma cercherò di riassumertele a modo mio.
    "C'era una volta una ragazza molto ingenua, che amava i libri e i colori. Si poneva tante domande, ma la sua preferita era: Perché?
    Proprio per questo aveva deciso di iscriversi a Filosofia e durante gli anni di studio crebbe molto, perdonò un'amica e la sua famiglia era fiera di lei.
    Il giorno prima di laurearsi una telefonata cambiò tutte le sue prospettive.
    La voce dietro al telefono le disse la Verità.
    La ragazza scoprì che l'amica non meritava il suo perdono perché non si curava affatto di lei, e che la sua famiglia detestava le sue capacità in quanto mettevano in ombra persone più grandi di lei.
    La ragazza lasciò la cornetta e diventò una statua di sale. Andò la mattina dopo a laurearsi, con una forte rabbia che venne scambiata per determinazione. Prese la lode, i complimenti, i baci umidi dalle lacrime e accolse gli sguardi increduli di chi ancora sperava in un fallimento.
    Poi tornò a casa e pianse. Poteva finalmente lasciarsi andare, come aveva fatto con la cornetta del telefono.
    La ragazza piangeva perché si sentiva stupida. Aveva capito che aveva smesso di chiedersi il perché delle cose ed era stata ingannata dalla sua ingenuità.
    Così prese una decisione: tagliare i legami.
    Ma quando si taglia il filo di una ragnatela, essa si sfalda tutta su sé stessa. La ragazza tagliò i legami con l'amica, ma gli amici che frequentava non vollero conoscerne i motivi e la ragnatela cominciò a ricadere. La ragazza diventò sprezzante con la famiglia, ma le voci maligne che avevano sparso su di lei non furono mai raggiunte dalla telefonata della Verità.
    La ragazza rimase intrappolata nella ragnatela, sola.
    Non aveva più fiducia nell'amicizia e in sé stessa. Neanche il suo fidanzato riusciva a consolarla e i suoi genitori erano impotenti di fronte al suo sconforto.
    Il 2013 era diventato una scala buia verso un futuro vuoto.

    *continua*

    ReplyDelete
  43. *continua*

    A un tratto però sentì una spinta, ma non capì da dove provenisse. Si girò per vedere chi fosse stato, ma non trovò nessuno.
    Di nuovo si sentì spingere e salì il primo gradino. Incredibilmente non riuscì più a fermarsi e da piccoli passi, cominciò a correre, poi a saltare le scale a tre gradini alla volta. Un'immagine cominciava a intravedersi e la ragazza scorse un telefono. Accanto c'era una vecchia agenda. La aprì e trovò un solo numero scritto. Lo compose e attese.
    Le rispose la voce della Verità. A risentirla la ragazza ebbe un sussulto. Non voleva più provare quel dolore, voleva dimenticare. Ma la voce era dolce come la malinconia e la avvolse in un abbraccio da cui non poteva scappare.
    La ragazza si domandò di nuovo: Perché?
    E trovò in quell'abbraccio la sua risposta. Perché non si può essere felici con la verità, ma si è infelici se non la si cerca.
    La ragazza ringraziò la verità per averla aiutata a capire e si sciolse dal suo abbraccio.
    Scese le scale che ora erano inondate di luce e per la prima volta la ragazza capì di avere aperto gli occhi.
    Quando scese l'ultimo gradino, trovò il suo fidanzato, i suoi amici e la sua famiglia ad aspettarla, quelli che le erano sempre stati accanto, che l'avevano aiutata, che le volevano bene, ma che la ragazza non riusciva a vedere. Avevano le mani rosse e screpolate, per via delle spinte che le avevano dato sulle scale e la ragazza sentì un forte tepore dentro di sé.
    Tutti quanti le si avvicinarono e le diedero un piccolo filo dorato che risplendeva.
    La ragazza capì cosa fare.
    Cominciò a legare assieme tutti i fili dorati e creò una nuova ragnatela. Costruì i suoi nuovi legami e strinse forte i lembi per essere sicura di non perderli. Quella ragnatela somigliava a uno scialle e così se lo mise sulle spalle. Il tepore aumentò e la ragazza si sentì al sicuro.
    Poi notò che era rimasto un unico filo dorato. Lo raccolse e vide la sua immagine riflessa.
    Tutto il 2013 lo trascorse rinforzando quella ragnatela, e presto trasformò i suoi fili in catene. Verso la fine dell'anno si incuriosì a un nuovo mondo e decise di scrivere su un blog, dove conobbe molte persone che come lei amavano i libri e i colori. Le sue catene dorate brillavano più che mai.
    C'erano ancora dei momenti tristi, in cui la ragazza ricordava, ma sapeva di non dover dimenticare per non soffrire di nuovo. Anche se i suoi occhi cominciavano a richiudersi per la paura di quel dolore, ormai sapeva come difendersi.
    La ragazza aveva conservato quel filo dorato nei suoi occhi. Li aveva cuciti, ma con un filo di luce."

    Spero di non averti annoiato troppo con la mia storia.
    Un bacio Drama.

    ReplyDelete
  44. Forse per me l'anno più bello è stato lo scorso, in cui sono stata risollevata da una situazione bruttissima grazie alla persona a cui tengo di più al mondo.
    Ma quest'anno è stato l'anno dell'equilibrio, l'anno del ragionare e del prendere decisioni a lungo termine. Niente di avventato, solo cose pensate accuratamente per evitare di ricadere nella spirale del buio. E ci sono riuscita! Ci siamo, ma sarà anche il mio momento per vantarmi.
    Ho cancellato dal vocabolario la parola paura (a parte dei cani e dei piccioni, ma sono giustificata da episodi della mia infanzia, lo giuro!), ho cancellato l'insicurezza e le ho rimpiazzate con una buona dose di fiducia in me stessa, tanto da aprire un blog (no, non lo dico qual è, ts) e da riuscire a scrivere di qualsiasi cosa. Non che questo sia stato un problema per me, ma per tutto il 2012 mi sono sentita come in una gabbia, il mio cervello era bloccato. Beh, quest'anno ha rotto le catene.
    Ma forse il cambiamento più importante è che tengo _sempre_ i capelli corti, una liberazione!
    Avere i capelli lunghi per me significava sottostare all'ideale di altre persone di come deve essere una ragazza, ero la figlia/fidanzata/amica perfetta per tutti, non sbagliavo mai, per loro. In realtà ero una contraddizione vivente. Ora sono me stessa, degli altri me ne frega un pochino di meno.
    Ho abbandonato amicizie inutili, che sono semplicemente sparite come le ciocche di capelli tagliati; persone che per anni hanno dichiarato che ci saranno sempre nella tua vita, ma che spariscono dopo due mesi dalla maturità non sono sicuramente rapporti da portare avanti. Ho scoperto che intorno a me (in università, ecco) ci sono molte persone a cui non avevo mai dato una chance, non perché io sia snob o timida, semplicemente perché vivevo attaccata morbosamente a un cellulare che era il mio unico canale di comunicazione con una persona che, beh, alla fine mi ha salvata, ma era veramente una persona stronza. Sono cresciuta di più in questo anno passato che in cinque anni di liceo, credo. Ho sicuramente capito chi sono, chi voglio essere e chi voglio al mio fianco.
    Ho fatto piani per il futuro. Ho già deciso "tutto" (alcune cose non si possono decidere, ma le persone con cui si faranno sì!). Ho deciso che la mia/nostra felicità va al primo posto.
    E non potrei esserne più contenta!

    ReplyDelete
  45. Per me questo anno è stato davvero molto particolare, questa cosa non la racconto molto spesso ma conto sul fatto che in poche si prenderanno la briga di leggere tutti i commenti che ti vengono lasciati qui :) una delle notizie più brutte dell'anno era la cosa più bella che mi fosse successa da quando sono nata, fino a pochi minuti prima che mi dessero la brutta notizia. Vedi faccio anche tanta fatica a parlarne perchè ricordare che per tre mesi mi sono sentita mamma (e al settimo cielo per giunta) mi fa ancora tanto male, specie fino a che non passerà quella che sarebbe dovuta essere la data di nascita del mio piccolino. Però fino a che non mi hanno disillusa è stata la sensazione più bella mai vissuta e spero di riviverla di nuovo prima o poi ma di potermela godere fino alla fine questa volta.

    ReplyDelete
  46. Cara Drama,
    che bello questo post.Fa bene focalizzarsi sulle cose belle, pensarci, sapere che ci sono.
    Penso sempre che la cosa più difficile non sia crescere, diventare adulti, ma diventare adulti che, nonostante le delusioni, i dolori e le fatiche della vita, riescano a non perdere totalmente la speranza, e non diventare cinici e disillusisi (un bellissimo libro su questo tema è 'Un giorno questo dolore ti sarà utile' di P.Cameron).
    Nella mia breve esperienza di vita (21 anni dai son pochi) non ho ricordi di anni 'non faticosi', sono andata via di casa molto presto e nel periodo natalizio la solitudine la sento di più.
    Oltre agli amici meravigliosi che ho l'onore di avere e che sono veramente la mia famiglia, il 2013 lo ricordo con piacere per essere riuscita a pagarmi una psicoanalisi, che so sembrare una cosa un po' strana, ma per me è stato (ed è) un modo importante per mettermi in discussione e provare a mettere insieme i pezzi.
    E per ultimo aver fatto due interrail, uno in compagnia, ma quello più importante in solitaria.E' stata una faticaccia, ma ne è valsa la pena.
    E per il 2014 chi lo sa...magari me lo ricorderò perché ci incontreremo in via Santa Valeria? (noi della Statale siamo un po' snobbini con voi della cattolica..ma farò un'eccezione ;D)
    Un abbraccio Drama e a vederci (e forse non riconoscerci) in giro!

    ReplyDelete
  47. quest'anno è stato difficile anche per me, come per tanti. ne ho passate diverse e ho sempre cercato di tenere duro. ho due momenti belli legati alla stessa situazione: il primo momento è stato quando, dopo essere uscita dalla sala operatoria, ho visto gli occhi di mia madre che si sono rilassati dopo aver saputo che tutto era andato bene e che io stavo bene. l'altro è stato quando mi hanno mandata a casa dall'ospedale e la mia cagnolina mi è venuta incontro con una gioia indescrivibile: non mi lasciava un attimo, mi faceva tantissime feste e mi coccolava. auguro a tutte voi uno splendido 2014, di cuore

    ReplyDelete
  48. Tu sei di un generoso-teneroso che solo tu, cara Drama. Sei speciale, ma non solo per il giveaway ma perché in primis sei tu che ci coinvolgi sempre e poi perchè sei bbbella dentro e si legge... Ti lovvo ogni giorno un pochetto di più, sapevilo <3

    Comunque cosa mi è capitato quest'anno? Tanto e nello stesso tempo, troppo poco. Ci sono stati fin troppi momenti un po' tristucci quest'anno, emotivamente e lavorativamente, ma senza dubbio la cosa più bella è il master che sto frequentando. L'amore ce l'ho da 6 anni e, anche se non lo dò mai per scontato, è il punto fermo della mia vita ( che si sbrigasse anche a sposarmi prima o poi???? xD) mentre il master riguarda la mia carriera, il mio lavoro e, anche se piccola, la speranza di poter finalmente raggiungere qualcosa di concreto e di fortemente desiderato! *-*

    ReplyDelete
  49. Anche a me navigare nella vita virtuale ha portato a degli approdi felici :)
    Il mio 2013 è stato in linea con il 2012,abbastanza inconcludente purtroppo ,però,c'è un però probabilmente dovuto ad un'intensa attività creativa della mente della sottoscritta,arrivo al punto..qualche battito di cuore,proprio in questo dicembre. sembrerà niente,perchè è niente visto che non c'è nulla in corso ,ma era tanto che non mi batteva il cuore ed è stato bello ! Buon anno a tutte,soprattutto a chi ha avuto un pessimo 2013!!!

    ReplyDelete
  50. Brindando a capodanno frullano tanti pensieri nella mia testa, sono soprattutto sogni nel cassetto che vorrei tirar fuori ma poi ogni volta la vita mette i suoi bastoni fra le ruote e sono costretta a ridimensionare le mie aspettative. Nel tempo alcune speranze sono diventate illusioni e per me la veglia di capodanno era diventata la sera del disincanto.
    Ho capito crescendo che la vita va assaporata nelle sue piccole cose, ho ritrovato quel gusto infantile di incantarmi con poco, probabilmente vivo in un mondo tutto mio e alcuni mi giudicherano senz'altro frivola, eppure questa è la chiave della mia pace interiore. Detto ciò, nonostante qualche ombra qua e la, il mio 2013 rimarrà un anno importante, ho vissuto delle emozioni che rimarranno sempre impresse dentro di me.

    La prima cosa bella è stata l'arrivo in casa Blanche, la mia gatta adorata. L'ho raccolta dalla strada nel freddo di febbraio, affamata e stanca si trascinava il suo pancione pieno di cuccioli, 6 tesorini che ha messo al mondo sul mio divano sotto ai miei occhi. E' stata un'esperienza commovente e meravigliosa (meno per il mio divano -.-'') e vedendoli crescere giorno dopo giorno mi sono sentita un po' mamma anch'io.

    A Settembre mi sono sposata, ho fatto un matrimonio semplice e modesto eppure intimo e romantico. Siamo andati in viaggio in Turchia e ho visto paesaggi lunari, assaggiato sapori forti, ascoltato il canto del muezzin all'alba, mi sono persa nei vicoli di un bazar, ho fatto il bagno in un cratere calcareo, ho passeggiato fra le rovine di Bisanzio e...ho fatto shopping come se non ci fosse stato un domani XD
    Giorni fa ho prenotato un viaggio a Tokyo per Aprile, so che stiamo sforando già nel 2014 ma solo il pensiero di ciò mi elettrizza tantissimo, questo mio stato d'animo ha reso un po' speciali anche questi ultimi giorni dell'anno.

    Non che tutto ciò sia stato privo di delusioni, nostalgie, incazzature, preoccupazioni e problemi di varia natura, ma a questo non voglio pensarci, voglio solo soffermarmi su ciò che di buono ho raccolto fino ad oggi e costruire da questo le basi per il nuovo anno.

    Un bacione :)

    ReplyDelete
  51. Ciao Drammetta! Una delle cose più belle di quest'anno è sapere che diventerò zia nel 2014, per il resto non mi viene in mente niente di paragonabile a dire il vero!
    Cose comunque rilevanti, la prima pubblicazione delle mie foto su una piccola rivista di moda online, la prima piccola mostra, le grandi soddisfazioni e i grandi passi fatti in campo professionale a livello di competenze e conoscenza. L'amore va bene, la salute anche, insomma non ho niente di cui lamentarmi, spero solo di concretizzare il mio lavoro il prossimo anno e riuscire a guadagnare qualcosa di più concreto oltre alla conoscenza e alla soddisfazione personale, non so se mi spiego XD

    ReplyDelete
  52. Il mio 2013 è stato un anno davvero particolare e oserei dire il più intenso -tra tutti i miei anni di vita sino ad ora-.
    Iniziando dai primi mesi potrei parlare dell'esperienza con gli esami universitari : un mondo per me nuovo con i suoi pro e contro e con le sue sfide (a volte estreme) quotidiane.
    E' stato un anno fatto, in particolare, di decisioni ed "inversioni" di percorso : eventi importanti ma, allo stesso tempo, difficili da gestire.
    Le scelte sentimentali, quelle da studiosa, gli slanci imprevedibili ed i conti con le proprie passioni.
    E' come se mi fossi focalizzata, in assenza di un soggetto su cui versare il mio amore, su me stessa.
    Ho cercato di studiare i miei interessi : capire cosa davvero mi faceva piacere fare e cosa, ormai, era divenuto solo un modo per "dimostrare" e non per dare soddisfazione a me stessa.
    E' in questa ottica che mi sono lasciata andare a quelli che restano i ricordi più belli del 2013 : il concerto *della vita* a cui ho deciso di partecipare da sola -senza accompagnatori, senza conoscenti, senza amici- totalmente da sola! per gioirne e gustarne ogni sfaccettatura quasi fosse fatto unicamente per me.
    E, sempre per questo, ho anche pensato durante l'estate di eliminare paure e ripensamenti ed aprire un mio spazio, un mio blog.
    Mi ha dato e mi sta dando tante soddisfazioni : poche persone ma buone e sempre una parola in più per sentirsi comprese ed apprezzate.
    Insomma alla fine di questo anno porterò con me alcune parole chiave e determinanti : L'importanza dell'IO, la necessità di dare sfogo alle proprie passioni, la voglia di lasciarsi andare anche in assenza di qualsiasi certezza.

    Approfitto di questo commento per augurarti buone feste ed estendere l'augurio a tutte le dramette qui presenti :*

    ReplyDelete
  53. Premetto che la tua idea di voler condividere con le altre quello che ti è più piaciuto nel 2013 è dolcissima come te del resto.

    Il 2013 sembra essere stato un anno nefasto per tutti, ma pensandoci qualcosa da salvare si trova.

    Aver superato i test del "concorsone", per esempio, è stata una immensa soddisfazione, anche se poi non ho partecipato agli scritti, l'essere riuscita a superare qualcosa che in molti ritenevano difficile mi ha regalato un pizzico di autostima in più.
    Truccare un'altra persona (per la prima volta da quando ho il blog) e vederla molto contenta del risultato è stata un'alta cosa positiva, sembra una sciocchezza, ma mi piace così tanto truccare che l'idea di riuscire a farlo decentemente anche sulle altre per me è proprio un'altra bella soddisfazione.
    Però le cose più belle, più importanti, che ricorderò con gioia anche fra molto tempo regalatemi da quest'anno sono state le prime parole del mio bimbo minore, le sue prime frasi, cominciare a dialogare con lui, assistere ai suoi primi discorsi con il mio figlio maggiore; sembrano cose scontate ma a volte viviamo male proprio perché non diamo il giusto valore a queste piccoli avvenimenti, quindi è proprio in virtù di questi doni preziosi che perdono il 2013 di tutti i casini combinati.

    ReplyDelete
  54. Trovo bellissima l'idea di questo contest, e anche i tre premi messi in palio sono fantastici! Ti seguo da tanto, ma purtroppo non ho mai avuto abbastanza tempo per lasciarti un commentino.
    Per me il 2013 è stato un anno decisamente magico, soprattutto se paragonato al 2012 che per me, terremotata emiliana, è stato davvero devastante.
    In questo 2013 sono tornata nelle mie due città preferite, Parigi e Roma, e ho condiviso esperienze bellissime. Sono riuscita, dopo anni, a sentire il mio gruppo preferito live - so che può essere una banalità, ma alla fine sono le piccole cose che rendono migliore la vita di tutti i giorni.
    Ho finalmente finito gli esami universitari, e anche se la sessione di laurea sarà a Marzo, ho comunque messo un punto fermo nella mia carriera scolastica, ed io ed il mio ragazzo abbiamo deciso di andare a vivere insieme. Ho ricevuto la bella notizia che diventerò zia, ma, cosa più importante, ho imparato ad amare me stessa e a credere che io posso cambiare il corso delle cose, e che posso sempre credere in me. In definitiva, credo che questo sia stato forse uno degli anni più belli di sempre.
    Auguri di buone feste a te e a tutti quelli che leggeranno il commento ;)

    ReplyDelete
  55. Per me la cosa più bella accaduta nel 2013 è stata innamorarmi.
    Sono una persona refrattaria a qualunque tipo di smanceria, anche con amici e parenti... Ma quest'anno mi sono completamente e perdutamente innamorata... In un modo che non pensavo potesse mai succedermi.
    Non ho mai desiderato una famiglia, figli, matrimonio e quant'altro... Ma con lui mi capita di pensare a tutto questo. Mi capita di pensare 'quanto mi piacerebbe ora stare accoccolata sul divano, il nostro divano, a vedere un film... parlare della nostra giornata e confrontarci su tutto.'
    Mi capita, vorrei che fosse ogni giorno così...Ma lui vive negli Emirati Arabi, scelta fatta prima di innamorarci... e questo per ora non è possibile farlo, o meglio si può fare, non sul nostro divano ma ogni tre settimane.
    Il mio augurio personale per il 2014 è far sì che questi miei nuovi desideri si realizzino.. Non ho fretta, ma lo vorrei davvero tanto!
    Ah, il destino esiste, le 'sliding doors' anche: ci conosciamo da 10 anni, ci siamo incontrati casualmente molte volte...e un post su Facebook è stato fatale.
    Quindi altra cosa bella del 2013 sono stati i social: FB perché mi ha permesso di rincontrarlo, skype perché mi permette di sentirlo, whattapp perché non potrei vivere senza e i blog perché mi hanno dato la possibilità di scoprire persone stupende e di rimanere sempre aggiornata su una mia grande passione.
    Auguri di un sereno Natale e di un fantastico 2014!!!
    Francesca

    ReplyDelete
  56. Io devo dire che quest'anno si sta concludendo piuttosto bene!
    Tra le cose più belle c'è di sicuro il diploma, infatti ho frequentato per 5 anni un liceo terribile, con professori terribili e compagne di classe terribili (il che ha comportato non pochi problemi per il mio benessere psicofisico). Ma adesso è finito tutto e, finalmente, faccio quello che amo, frequento l'accademia delle belle arti e pur essendo una povera pendolare mi sento la ragazza più fortunata del mondo. Ho incontrato molte persone meravigliose e il mio ragazzo è ancora qui accanto a me, dopo ben due anni e mezzo. I miei genitori e la mia famiglia godono di una buona salute, quindi non potrei proprio lamentarmi: faccio quello che amo e sono circondata da persone che mi amano!
    Speriamo che il nuovo anno vada sempre meglio :D
    Ah tra le cose più belle c'è senz'altro il fatto che ho aperto il mio blog, anche se devo ancora capire se è quello che fa per me. Un bacione e ti auguro un meraviglioso 2014!!

    ReplyDelete
  57. Ci scriverò sopra un post, sulle cose belle del 2013.
    Intanto, voglio lasciarti un "assaggio", scritto in modo un po' carino e originale, di quello che ricorderò per sempre di questo anno sul finire.
    Ah, e grazie per questo splendido regalo, ma soprattutto per il tuo blog: è uno dei miei preferiti di sempre, e lo sai.

    "Sei iniziato in una lacrima accennata:
    la speranza, com'è venuta, se n'è anche andata.
    Sentir Lui a mezzanotte per gli auguri
    ha soltanto acuito mesi già di loro assai lunghi e duri:
    tra un esame che non riuscivo proprio a superare,
    e un concorso di scrittura a cui ho voluto partecipare
    e nemmeno quello m'ha portato soddisfazione...
    che il secondo posto, alla fine, crea soltanto delusione.
    A febbraio San Valentino ha portato pochi sorrisi,
    i miei sentimenti, ancora una volta, altro non son stati se non nuovamente derisi:
    Lui si negava, io lo aspettavo,
    e nel frattempo al destino le redini consegnavo.
    "Demando a te il compito soave
    di forzar la serratura, che io non ho la chiave:
    già ci ho provato, ho tentato e ho fallito...
    il mio cuore, troppe volte, te l'ho detto: s'è ferito."
    Nello smarrimento e nella voglia di ritrovare la vera via
    mi sono promessa allora di non buttarmi mai più via:
    impegno, dedizione, sacrificio, tanto sudore...
    perché gioia, rose e stelle non son le uniche prerogative dell'amore.
    A marzo al telefono ho passato giorni interi:
    conversazioni, confidenze, confessioni in momenti neri.
    "Ho baciato un'altra", è arrivato anche a dire.
    Inutile ammetter che quella notte mi son sentita morire.
    Poi, qualcosa, lentamente ha iniziato a cambiare:
    forse la primavera che tardava ad arrivare.
    Ho studiato, continuato a scrivere, ci sono stata per gli amici...
    e alla fine anche per me sono arrivati giorni felici.
    Prima una mano che, di nascosto, s'è intrecciata alla mia:
    eravamo al cinema, forse merito del buio, o della magia...
    Poi, uno alla volta, son arrivati gli abbracci e i discorsi più profondi:
    le distanze si sono accorciate, abbiamo unito i nostri mondi.
    E così, poco dopo il mio compleanno
    (e per poco non rinunciavo, che maggio m'aveva proprio tratto in inganno),
    è arrivato il bacio, l'amore, il sentirsi a casa solo con Lui...
    la risata sincera al pensiero di chi fui.

    (continua sotto)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Fui una giovane insicura, ingrassata di dieci chili,
      a crudeli burattinai, per lungo tempo, lasciai muovere i miei fili.
      Ma a che prezzo? A che risultato?
      Non era il mio scopo un successo assicurato.
      Ho sempre pensato di desiderare l'unico, vero, grande amore:
      che la vita ha bisogno di muoversi, ma per farlo serve un motore.
      Giugno, luglio, agosto e settembre... l'estate più bella della mia vita:
      di quelle estati che riesci persino a toccare, come sabbia tra le dita,
      perché l'amore tutto cambia, tutto muove, tutto definisce
      (l'amore quello vero, anche se breve, anche se poi finisce).
      Ho superato quello scoglio che era un grosso esame,
      ho perso l'appetito isterico ma assolutamente non la fame;
      son tornata al mio peso forma, ho fatto nuove conoscenze;
      ho abbandonato le inutilezze, i raggiri e le insolenze;
      mi son tenuta discretamente alla larga dalle bugie...
      finalmente le giornate eran sempre più belle e ancora mie.
      Non sempre tutto è andato alla perfezione:
      di ottobre ricordo ansie e poca soddisfazione,
      e problemi in famiglia, problemi con Lui da affrontare,
      perché ancora tra noi l'equilibrio si doveva ben incastrare.
      E poi Pavia, una mostra a sorpresa;
      altre difficoltà, a cui più mi sono arresa.
      La laurea di una cara amica, lo studio per l'esame successivo:
      e gridando l'ho detto e ridetto, "Ora vivo, ora vivo!".
      Dicembre è arrivato senza nemmeno far rumore:
      senza neve, solo col freddo, del Natale il primo bagliore.
      Ho iniziato a pensare ai regali, ad addobbare casa mia...
      ho iniziato poi a pensare quando una casa sarà davvero mia.
      Sarà mia o forse "nostra", chi lo sa, io no di certo:
      ma un giorno, ve lo giuro, vi dirò se l'avrò scoperto.
      Quel che conosco, per il momento, è soltanto infinito brillante entusiasmo,
      che, con atteggiamenti propositivi e voglia di fare, s'è saldamente intrecciato a chiasmo:
      non va sempre bene, già l'ho detto, già lo so...
      recentemente ne ho avuta prova, recentemente ho visto che no,
      la vita purtroppo non è sempre gioiosa,
      non è sempre allegra, non è sempre festosa,
      e l'importante allora è esserci, dimostrare la propria presenza,
      a chi ci chiede una mano, a chi di noi non può e non vuol fare senza.
      Il mio 2013 è stato un anno complicato:
      all'inizio cupo, tetro e infelice s'è, sbraitando, dimostrato;
      ma poi il vento ha cambiato direzione, ha soffiato nella mia,
      e quel che tanto cercavo è arrivato... la mia strada, la mia via."

      Ti mando un bacio e auguro a tutti quanti un Sereno Natale e un Felice Capodanno.

      Delete
  58. Ho la fissa dei numeri dispari. Ho sempre questa stupida convinzione che qualcosa sia perfetto quando uno "rimane fuori", in cima. Ecco, questo 2013 è stato così. Una che è rimasta fuori, io.
    E' successo a gennaio, durante una cena con alcuni miei colleghi, mi sono guardata intorno e mi sono accorta che io non c'entravo nulla, che a me non fregava un'emerita mazza di parlare della collega brutta&stupida, del 30 e lode con quel determinato professore o dell'aoristo cappatico. Io volevo parlare di sogni, di brucianti passioni, di cocenti delusioni.
    Tra le amiche storiche si respirava aria stantia, chiacchiere già fatte, pettegolezzi già rivelati... mi sentivo ancora un'altra volta un "uno", guardavo fuori dalla finestra mentre le altre guardavano i mobili in casa.
    Col mio ragazzo, relazione iniziata faticosamente e duramente conquistata dalla suddetta, si stava creando una strana alchimia. Quella fisica dei rapporti che inizia sempre i primi mesi, non dopo due anni, come nel mio caso, per intenderci. Ne ero spaventata. In questo caso ci tenevo ad esser fuori dal giro, con qualche incertezza. Dopo tutto quello che avevo passato, mi arrendevo così? Non riuscivo proprio ad evolvervi.
    Ho fatto la domanda Erasmus.
    Quando comunicai la notizia a mia madre impazzì. E' raro trovare un sardo che lascia la Sardegna di propria spontanea volontà, o parti perchè sei senza lavoro o perchè sei costretto da altri fattori contingenti. Io invece lasciavo la mia terra di sole e vento per andare allo sbaraglio in un posto dove non conoscevo la lingua, non conoscevo la mentalità, non sapevo nulla. Sapevo solo che si usavano le biciclette, e io in bicicletta ci sapevo andare. Questo mi bastava.
    Nessuno accolse favorevolmente la mia decisione. Le mie amiche mi dicevano "ma chi te lo fa fare?", il mio ragazzo era dubbioso, a lui le novità non piacciono, i miei colleghi mi ripetevano come un mantra "ma ti laurei tardi così, ti rovini la media, devi fare la domanda per il dottorato, non puoi perder tempo!".
    L'uno, sempre più uno nel 2013.
    Ad aprile parto.
    Sto a Freiburg per 6 mesi.
    Conosco nuove persone, conosco nuovi posti e soprattutto conosco i miei limiti. Imparo il valore della solitudine, imparo il silenzio, imparo ad andare in bicicletta senza mani. Mi prendo una cotta per un altro, mi creo nuove amicizie fortissime intorno a me.
    Luglio. Sto per tornare a casa per far visita ai miei cari e al mio ragazzo, nessuno continua a sostenere la mia scelta, nessuno viene a trovarmi. L'uno torna in patria con la valigia vuota e stranamente leggera.
    Qualcosa dentro sta cambiando. L'uno sta cambiando. Rivedere le mie amiche mi commuove. Le vedo lì, ancora con le loro preoccupazioni, il loro affetto è caldo come un caminetto dopo una camminata sotto la pioggia. La loro amica è partita da sola, mostraci le foto! raccontaci ogni cosa!, dicono. Sono loro le persone con cui voglio invecchiare, le mie ragazze che trovano il coraggio di dirmi "non sono d'accordo", ma anche "io però sono con te sempre". Non più fuori dal giro, ma dentro il giro. Sono cambiate loro forse? No, sono io. Vedo le loro motivazioni e le comprendo.
    Il mio ragazzo apre la porta, lo ritrovo lì, sorridente e di colpo mi dimentico della cottarella platonica dell'altro. Passiamo due settimane a ridere, scherzare, riflettere. Ci confidiamo. Guardo con altri occhi il suo rifiuto di venire da me per qualche tempo, comprendo il suo dolore, comprendo i suoi limiti. Diventano i nostri limiti. L'uno ha smesso di correre da solo, l'uno ora ha qualcuno al suo fianco.
    Torno nella mia terra del vento e del sole, ora non ho più paura dei numeri pari.
    Ti auguro un felice 2014, possa essere felice e sempre ricco di sfide! ;* Io non ho il dono della preveggenza, non so cosa mi riserverà, se lacrime o sorrisi, ma io me la caverò! Noi ce la caveremo! ;)

    ReplyDelete
  59. Ciao S.,
    per carattere cerco sempre di pensare alle cose belle e mai (o il meno possibile a quelle brutte) quindi ho apprezzato moltissimo l'idea alla base del contest ^_*

    Tra l'altro tutte le cose brutte scompaiono davanti al sorriso del mio nipotino quando entro in cameretta per giocare con lui ... impagabile!

    Baci
    S.

    ReplyDelete
  60. Le cose belle del 2013… mah, ero partita a inizio dicembre con l’idea di non tirare le somme, per una volta, alla fine di un anno. Ma poi la tua domanda mi ha fatto riflettere..non è vero che non voglio tirare le somme, anzi, devo, perché è stato un anno di svolta, svolta che non è ancora finita però. Ecco il motivo per il quale faccio fatica a guardare indietro.
    Dunque, ad inizio 2013 (a dire il vero già a fine 2012), ho deciso di prendere in gestione un’attività, avendoci io lavorato per 7 anni nel settore. Ho preso un attività appena avviata, con tutte le difficoltà del caso, ci ho perso dei soldi, delle amicizie, del tempo, ci ho quasi perso il compagno di vita. E perché? Perché non avendolo mai fatto, è stata dura! Ogni piccola difficoltà sembrava insormontabile. Poi, col passare dei mesi e con l’aiuto dei miei genitori e del mio fidanzato, ho imparato a gestire le mie emozioni rispetto al mio lavoro! Sono fiera di ciò che faccio, perché loro sono fieri di me! Sto dando una mano a dei ragazzi giovani, offrendo loro un posto di lavoro, e loro stanno dando una mano a me, aiutandomi giorno dopo giorno a scoprire che si può fare imprenditoria giovanile in Italia, che se ci si impegna e ci si fissa degli obbiettivi ce la si può fare! Anche solo per guadagnare l’esperienza e la soddisfazione che ci spinge ad andare avanti, perché il guadagno vero e proprio non è ancora arrivato (infatti mi sto ancora pagando l’affitto grazie al lavoro part-time di dipendente di un’azienda).
    Ma ero partita dalle cose belle… beh, oltre il lavoro, che sta andando verso il verso giusto, le cose belle che sono andata a convivere con il mio compagno “di viaggio” e che abbiamo preso 3 settimane fa una dolcissima bassottina che ora ha 3 mesi ma che vivrà con noi tutta la sua vita! Ora siamo una famiglia..e a dire la verità, per una che è sempre stata abituata a cavarsela da sola, avere 2 famiglie è una gran gran cosa!
    Drama, ti seguo sempre tanto, direttamente da Bloglovin’, ti faccio i miei migliori auguri per l’anno che verrà!

    ReplyDelete
  61. Io non ho Bloglovin ma giurin giuretto che ti seguo su GFC <3
    Comunque tante cose belle ma proprio questa sera ho provato una gioia incredibile. Parte il racconto *musichettanataliziaconfading*...
    Ho un cane, beh, una cagnotta stupenda (sì, lo so, lo sai XD) da due anni e lei ne ha quattro. Sì, perché l'abbiamo adottata a scatola chiusa, senza se e senza ma, aveva bisogno di una casa, di tanto tempo e tanta pazienza, molti sacrifici e attenzioni. Insomma, meritava di meglio di quanto avuto fino a quel momento. La "ragazza", pelosona, appartiene a una razza molto difficile, quella dei Chow Chow, cani indipendenti, che non fanno molte feste e non prestano attenzione ai mille "pucciccì" che si sentono dietro ogni volta che passano. Cani che mordono senza avvisare, cani che non accettano padroni e non accettano gli ordini. C'è chi li definisce come cani non addestrabili. Sono cani che vivono di sfumature, non sono espansivi, si esprimono con gli sguardi.
    Tornando alla mia bestiola, appena arrivata a casa, l'unica cosa che comprendeva era il comando "seduta", così mio fratello le ha insegnato la "zampa". Da quel primo giorno insieme, le ho insegnato a fidarsi di me e a comprendere quanto la amo, ogni giorno di più. Le ho insegnato, con tanta pazienza e in tanto tempo, anche comandi base come "terra", "l'altra (zampa)", "ferma", "aspetta", "piano", "sù", "sali", "scendi", ecc. meno male che non sono addestrabili, aggiungo!
    Ma veniamo a oggi: quando trova persone a cui è affezionata, scodinzola un poco e fine, quelle sono le sue feste, tanto più se si è in centro per una passeggiata. Oggi sono andata dal fisioterapista e ho lasciato il cane con mio fratello, cosicché facesse due passi per una quarantina di minuti. Finita la mia seduta, ci mettiamo d'accordo per venirci vicendevolmente in contro, quando vedo spuntare il mio batuffolo di pelo. La chiamo, mi guarda, stringe gli occhi come per farmi comprendere di sorridere e inizia letteralmente a correre in corso, per venire a girarmi intorno e farmi mille feste. E' difficile da comprendere per chi non conosce i cani ma loro sorridono e vedere la mia bestiola così contenta di rivedermi dopo poco che me ne ero andata mi ha sciolta dentro, come se tutti i buoni sentimenti natalizi mi si fossero risvegliati nello stesso istante. Speriamo che il 2014 sia ancora migliore! :D
    Bacissimo

    ReplyDelete
  62. Ma che dolce che sei *_* Ovviamente ti seguo su bloglovin come ti seguo(seguivo?) su gfc ;)
    Cose belle di quest'anno?
    La mia mini vacanza a mare quest'anno è stata tra le più belle, allegra e spensierata degli ultimi anni, con amiche vecchie e nuove, e sono le piccole cose che fanno felici,no? Giorni di passeggiate, risate, sole e mare, tassisti simpatici e pazzoidi e viaggi in pullman da infarto, capirsi con uno sguardo e condividere le stesse idee.

    Poi vorrei aggiungere il 30 che ho preso all'esame di luglio su cui ho sbattuto la testa per 3 mesi, e aver incontrato il mio attore preferito due volte in 3 mesi qui in Italia, che soddisfazione. E non posso non citare anche il mio blogghino, che cresce sempre ed è la mia piccola isola felice anche quando sono in lotta con il mondo :)

    ReplyDelete
  63. Ci sono state tante cose negative nel 2013, ma sicuramente il vero momento top è stato il matrimonio. Quando quel 12 ottobre, io e il mio lui ci siamo guardati negli occhi e ci siamo accolti a vicenda. In questi ultimi mesi neri, guardare la fede che porto al dito mi ricorda che anche se sono senza lavoro, che anche se una malattia è entrata nella mia famiglia, potrò sempre contare su un marito che mi ama alla follia! Il 12 ottobre di qualche anno fa Cristoforo Colombo scoprì l'America, il 12 ottobre 2013 è il giorno in cui ho sposato la mia America!!
    (ora basta sennò mi metto a piangere come una scema!)

    ReplyDelete
  64. Diciamo che dopo un 2012 da dimenticare il 2013 è iniziato col botto, mi trovavo a Tokyo e in una strana serie di coincidenze festeggiavo l'arrivo del nuovo anno con altre persone, una con cui volevo tanto condividere questo viaggio ed un altra con la quale l'avevo già condiviso in passato e mai avrei pensato di ricondividere :)
    Il resto dell'anno è passato così velocemente che mi sembra lontanissimo! A Marzo ho iniziato un nuovo lavoretto da portare avanti con gli studi dopo che avevo perso il precedente.
    A Maggio c'è stata la prima sfilata, è stato emozionante ma non sono riuscita a godermela del tutto perchè fino a 1 ora prima ero nel backstage a cucire piena di ansia^^" Ripensare adesso a quanto mi ha fatto dannare quell'abito mi fa sorridere dal cuore. Ho foto del cartamodello della manica steso, ne occupava 3 di tavoli XD Non so come ho fatto a domare quei metri di chiffon.
    A luglio poi c'è stata la sfilata ufficiale, quella vera che chiudeva questo ciclo accademico di 3 anni. E' stato intensissimo e stressantissimo ma lo rifarei seduta stante, tutte quelle giornate fino a sera dentro l'accademia, non esistevano week-end, a malapena esisteva mezz'ora di pausa pranzo; e tutto per quel minuto e mezzo su quella passerella. Sembra da matti ma è stata un'emozione unica
    Ed ora? Bhe ora in realtà è un momento un po' di stallo. Sto cercando di specializzarmi e fare un portfolio decente per potermi presentare in giro. Il resto chissà, a volte cambiano così tanto le cose da un mese all'altro che è difficile anche immaginarsele :)

    Tu sei sempre dolcissima :*

    ReplyDelete
  65. Dopo 6 anni di fidanzamento e 2 di convivenza nel 2013 il mio fidanzato si è finalmente convinto a fissare la data per il nostro matrimonio!!! :D

    ReplyDelete
  66. Il 2013, lo sai, per me è stato un anno cruciale.
    Ho lavorato per sette mesi, e non mi è piaciuto non il lavorare in sé ma il lavoro che facevo. Ho capito che compromessi così grossi non fanno per me e che non credo almeno un po' in quel che faccio il lavoro è niente più che una routine giornaliera, come alzarsi la mattina, preparare il pranzo, vedere il telefilm x alla determinata ora.
    Ci sono state un po' di cose che me l'hanno fatto capire, è stato come se avessi concesso di nuovo a me stessa di essere davvero sincera con me stessa e col mondo.
    Una, lo so che sembrerà una scemenza, è stato il concerto dei Blur a luglio. Lo aspettavo da metà della mia vita, e cantare il ritornello di The Universal quando qualcosa stava già succedendo è stato catartico.
    È stato l'anno delle scelte e di una scelta in particolare che è stata quella di espatriare e provare a costruirmi una strada alternativa da quella che pareva quasi inevitabile avrei dovuto percorrere.
    Non è stato facile scegliere l'incerto per una certezza seppur precaria al massimo, né lo è stato decidere di andare a vivere da sola, in un paese straniero e in un'area del quale in cui le mie capacità linguistiche non sono sempre sufficienti.
    Sono stata fortunata perché sto facendo una cosa che mi piace molto e che nonostante sia faticosa mi sta dando -per ora- soddisfazioni. Ho trovato due coinquiline con cui vado d'accordo al punto che è già la seconda volta che una delle conoscenti di una ci chiede se ci conoscevamo già, vivo in una città carina anche se non grande e anche se mancano alcune cose che in una città più grande ci sarebbero, ma non è così grave. La cosa più importante è che mi sento a casa, forse più di quanto mi sia mai sentita nel mio paesucolo incollato a Milano. O forse sono io che semplicemente sono un po' più in pace con me stessa e riesco a sentirmi a casa da qualche parte, anche se sarà temporaneo molto facilmente. È una bella sensazione.
    xx

    ReplyDelete
  67. La cosa più bella del 2013 è sicuramente la casina nuova. Dopo ben 14 anni che stiamo insieme io e il mio ragazzo abbiamo comprato casa, ed è, insieme, la cosa più bella ed emozionante e impegnativa che mi sia mai successa. :)
    (In un'ipotetica top 5 delle cose belle c'è sicuramente anche vedere il mio piccolo blog che cresce, che diventa sempre più importante per me e che mi regala giornate come quella al Cosmoprof, che non vedo l'ora di bissare!<3).
    Ovviamente ti seguo sia qui che su bloglovin! Baciotto!

    ReplyDelete
  68. Una cosa bellissima mi è successa proprio poco tempo fa. La mia migliore amica, nonché fidanzata di mio cugino da ormai 10 anni e più, mi ha annunciato che finalmente si sposano. Sembrava non si decidessero mai. E quando nonna invitata per scegliere con lei il vestito, è stata un emozione... E sarò anche testimone anche se non so ancora se di lei o lui. L'esperienza della scelta drll"abito è stata una favola per me. Io mi sono sposata nello stesso giorno in cui ho battezzato la mia prima figlia. avevamo 21 e 24 anni, e nessuno ci ha supportato in questa nostra scelta. Abbiamo affrontato tutto da soli e con i nostri risparmi, ho organizzato tutto in 10 giorni, e mia madre non mi è mai stata vicina. Pensate che per scegliere il mio vestito è venuto con me mio padre perche lei non voleva prendersi una giornata dal lavoro. Ma il problema è che io non ho potuto scegliere il vestito. ho dovuto cercare tra qualche abito da cerimonia in stock se di fosse qualcosa di avorio. Per fortuna lo trovai ma non ho potuto permettermi di scegliere nulla. Quando mia madre mi vide con quel vestito mi disse che mi stava malissimo... Ma il problema era che non avevo le calze adatte... Mentre guardavo mia cugina però invece di rimpiangere quello.che io non ho potuto avere (anche se parlando chiaro non è un vestito a fare la vita o il matrimonio di nessuna coppia) ero felicissima, perche una mezza giornata cosi pensavo che ormai non avrei mai piu potuta viverla, e soprattutto per la prima volta ho potuto vedere veramente da vicino ABITI DA SPOSA. Io cmq non rimpiango niente del mio matrimonio anche se non è stato da principessa, ma anzi mi ha resa molto soddisfatta l'aveva fatta con le nostra sole forze! Alla fine mia cugina ha scelto un abito stupendo e mi comincio ancora a pensarci. Sto proiettano me stessa in lei quindi vivo la sua felicità come se fosse la mia...

    ReplyDelete
  69. Beh, Dramina, non voglio lamentarmi perche' ci sono situazioni ben piu' pesanti e negative della mia, ma il 2013 e' stato un anno "sospeso": iniziato a Bangkok in viaggio di nozze, con relativo malessere di 5gg a rovinarne l'ultima parte (e se inizia cosi' un anno, come vuoi che vada?), per poi proseguire per 12 mesi tutti uguali a cercare lavoro dopo la fine del dottorato, con la frustrazione di sentirmi rifiutata e di non avere piu' un'indipendenza economica.
    Di positivo c'e' stato il fatto di aver avuto il coraggio di propormi e iniziare a lavorare come MUA, divertendomi ed emozionandomi con fotografi e modelle!
    E il cambio della casa, nell'ultimo periodo..che finalmente mi fa sentire meno stranger in a strange land (cit. 30stm ) in quel postaccio in cui vivo in Olanda! E forse portera' un gattino nel 2014.
    Auguri a te per ogni tuo desiderio, dolce S.
    Un bacione

    ReplyDelete
  70. Conversazione iniziata oggi
    Veronica Dossi
    15:34
    Veronica Dossi
    Per me il 2013 è stato un anno molto importante a livello psicologico. Mi sono successe tante cose che hanno lasciato in me un segno e mi hanno insegnato molto. Ho quasi 18 anni e a quest'età a volte può sembrare che tutto vada storto. Quest'anno io ho imparato a cambiare questa mia visione, a vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto, ma soprattutto a sentirmi meglio con me stessa, e questo grazie anche al mondo del make up, che per me è diventato molto più che rendersi presentabile ogni mattina. Grazie a questo mio cambiamento, ho iniziato a prendere ogni giorno come una nuova sfida e la cosa più bella è stata vedere che tutti i miei sforzi sono stati ripagati ricevendo la proposta di poter partecipare ad un progetto che mi darà la possibilità di andare ad Istambul con una delle mie migliori amiche per 10 giorni! Che altro dire? Ti ho scoperta proprio quest'anno, ed stato in parte anche grazie a te e al tuo blog che ho potuto fare questo cambiamento. Quindi grazie, e buona fortuna a tutte quante! ;)

    ReplyDelete
  71. Per me il 2013 è iniziato malissimo: è morta Semola, la mia gatta. Può sembrare una cosa da poco ma lei era speciale, è stata con me in momenti difficili in cui ero completamente sola. Lei c'era sempre e perderla è stato per me un duro colpo.
    Poi sono iniziati altri problemi, lavorativi ed economici. Direi che la prima parte dell'anno è stata veramente brutta e preferisco pensarci il meno possibile. La ferita non si è ancora rimarginata del tutto.
    Pian pianino però le cose hanno cominciato a migliorare: sono riuscita a prendermi un'auto, sono andata in vacanza a Praga, ho visto il concerto dei Blur e dei Queens of the Stone Age, sono andata a Berlino. Insomma un sacco di cose fighe ahah :D
    Oltre a questo i legami con amiche e fidanzato si sono rafforzati ancora di più e posso affermare di aver trovato finalmente un po' di serenità. Speriamo continui così!
    Ti mando un sacco di baci e ti ringrazio per riuscire sempre a mettermi di buon umore con i tuoi post :*

    ReplyDelete
  72. Il 2013, per me, è stato l'anno in cui mi sono rimboccata le maniche, in cui ho deciso di non piangermi più addosso e di non permettere più all'ansia, agli attacchi di panico di interferire nella mia vita. Sai, quella morsa allo stomaco che ti paralizza, il sentirsi soffocare, intrappolata in situazioni che non sai, non vuoi affrontare o (peggio) che ti ripeti di non esserne all'altezza. Finalmente, dopo due anni di esami rimandati ("Non sono abbastanza preparata", "Le date sono troppo vicine, ne preparo solo uno", "Non ci vado a dare l'esame, tanto mi boccia") mi sono buttata a capofitto nello studio e ho dato sette esami (speriamo otto, sto aspettando i risultati dell'ottavo!) e finalmente riesco a vedere la luce in quest'incubo di laurea triennale. Finalmente, non mi feriscono più gli sguardi, le occhiate e le parole della gente quando scopre che sono al terzo anno fuori corso. Sai, sono sempre stata la prima della classe, quella con il 9 in pagella fisso, la più brava senza troppi sforzi, ma qualcosa si è rotto nel momento in cui ho cominciato ad affrontare il mondo universitario. Ancora non so cosa voglio fare da grande e questo, a 26 anni, mi spaventa ancora di più, ma ho scoperto finalmente che posso farcela, se mi impegno.
    Cose belle? I concerti con il mio coro polifonico, il concerto dei Mumford and Sons, il balletto "Don Chisciotte", "Notes de La Nuit" e il Roberto Bolle and friends alle Terme di Caracalla, il musical "We will rock you", il matrimonio della mia migliore amica, il matrimonio di mia sorella, tornare a Londra per la quinta volta e capire di appartenere a quella città come nessun'altra città al mondo. le mie amiche romane e sentirmi finalmente parte di un gruppo di amici che mi sostengono e mi vogliono bene, la mia famiglia, nonostante tutto.
    L'unica cosa veramente negativa di questo 2013, sai qual è stata? Non essere riuscita dopo due anni a dimenticare il mio ex. Purtroppo aspetto ancora che torni e mi chieda scusa. Passerà, passerà, mi dico.

    ReplyDelete
  73. Oddio ci sono già mille mila commenti, non mi importa se vincerò o meno (anche se i premi sono davvero meravigliosi, grazie per l'opportunità!), ho voglia di rispondere lo stesso a questa domanda.

    Cose belle successe quest'anno?
    Sono partita per la Repubblica Ceca il 30 dicembre dell'anno scorso per cui la mia nuova vita qui posso dire che è cominciata proprio con l'inizio dell'anno nuovo.
    E' stato un anno difficile senza dubbio e per nulla noioso: ci è voluto un po' di tempo per ambientarci in un Paese completamente nuovo, una lingua difficile e totalmente sconosciuta. Nessun amico, nessun parente su cui contare: abbiamo fatto tutto da soli sempre, siamo stati molto uniti noi 3.. mio figlio è un bambino meraviglioso perché si è meravigliosamente integrato qui nonostante abbia solo 4 anni; mio marito ed io siamo sempre stati uniti e sicuri in ogni decisione presa, anche le più difficili.. c'è stata una decisione brutta da prendere, ma difficile, ancora adesso sto male se ci penso, ma era necessario e doveroso.
    Ho cominciato un lavoro nuovo per me, completamente diverso dal solito; ho conosciuto tante persone nuove, di diverse nazionalità e anche molti italiani. Ho una nuova amica, alla quale voglio già bene, anche se come al solito mi sento insicura sul bene che lei vuole a me.
    Sono felicissima della decisione presa, ovvero quella di vivere in un Paese diverso dall'Italia: mi ha permesso di vedere le cose sotto un'altra prospettiva.
    Un altro passo importantissimo è stato sicuramente quello di diventare vegetariana durante il 2013; un altro ancora è stato quello di cominciare a lavorare come makeupartist :-) Un altro ancora quello di aprire il mio Stay Kawaii Shop :-)
    Un anno bellissimo insomma! nel quale ho gettato le basi per molti progetti personali che voglio portare avanti perché la vita, perché sia degna di essere vissuta, deve essere un continuo susseguirsi di progetti personali!


    ps: anche io sarei felice di incontrarti!!!! ci vediamo allora il 12 gennaio?
    Nel post non l'ho scritto (ma ora vado a correggere): se vuoi unirti manda una email a okashilaura@gmail.com :-D

    ReplyDelete
  74. Credo che la cosa migliore che mi sia capitata quest'anno sia l'aver vissuto all'estero per cinque mesi per il semestre Erasmus...imparare a cavarmela (in tedesco! :D), conoscere persone provenienti da ogni parte del mondo e trovare anche un lavoretto nel frattempo mi ha fatto crescere come nient'altro prima d'ora! E' un'esperienza che porterò nel cuore per sempre, e che auguro a tutti di fare :)

    ReplyDelete
  75. Questo è stato un anno davvero difficile per me, scandito da perdite che si sono portate via ognuna un pezzetto di me, trovare dei momenti FELICI è difficile, ho cercato di farmene venire in mente qualcuno, perchè diavolo, mica mi potranno essere successe solo brutture!? La prima cosa che ha fatto capolino nella mia mente è sta la mia laurea, sentire preside di facoltà proclamarmi Dottoressa Milena (e sì, perchè ha chiamato tutti per cognome, ma me per nome) mi ha fatto spuntare un enorme sorriso sul volto e sentirgli dire quel "e lode", così inaspettato (perchè io volo sempre basso) mi ha scaldato il cuore, mi ha resa felice ed orgogliosa, sentire la mia migliore amica esultare poi è stata la ciliegina sulla torta, perchè quando chi ti vuole bene celebra con te i tuoi successi questi hanno un sapore un po' più speciale.

    ReplyDelete
  76. Ciao tesoro!
    Io non so scrivere molto bene, e non so se ho "tanto" da scrivere di bello del mio 2013, visto che sono successe un po' di cose brutte di cui alcune già sai....
    Ci sono state per fortuna anche delle cose belle (altrimenti chissà se sarei viva!! XD), e sì il mio commento sarà banale, perché alla fine le cose che mi rendono felice sono sempre quelle..
    Questa primavera quando ho scoperto quelle cose orribili, le mie amiche mi sono state vicine, quest'anno più di altri ho scoperto quanto sia fortunata a conoscere certe persone che sono pronte ad ascoltarmi, se possibile ad aiutarmi, o anche solo a mandarmi un messaggio per farmi stare meglio, ogni parola, ogni pensiero, ogni momento per me è stato importante, e anche se adesso mi sento comunque tanto fragile, so che se davvero sentissi di non farcela più, basterebbe chiamarle e sentirei la vicinanza di più di una persona speciale per me...
    E l'altra cosa bella di quest'anno, che ha aiutato tanto a renderlo un anno decente, sono stati i concerti dei Green Day... sette volte, Milano, Trieste, Londra, Roma, Bologna, Locarno e poi di nuovo Londra... sembra una cazzata ma per me sono state giornate indimenticabili, serate speciali, condivisi con alcune delle amiche speciali di cui parlavo sopra, e che ho conosciuto anche grazie a loro quindi devo ringraziarli anche per le persone che conosco e che mi stanno vicine ora, oltre che per aver salvato la mia adolescenza... e poi essere lì insieme ad altre migliaia di persone e provare tutte la stessa emozione ed avere tutti la stessa passione, è qualcosa che mi fa sentire felice, che mi fa sentire che non sono sola e non sono pazza e ci sono insieme a me altre cinquantamila persone che si emozionano quanto me!!

    ReplyDelete
  77. Spero di aver seguito bene le istruzioni del contest, cmq per sicurezza ho messo mi piace alla pagina fb, ti seguo su google+ e su bloglovin, e adesso il commento.
    Qest'anno è stato tremendo e cavoli leggo che non sono l'unica... ragazze non è che i maya hanno sbagliato anno???.. vabbè, sforziamoci a trovare le cose belle... mmh.. bhè ho mollato un lavoro che odiavo,ho conosciuto tanti nuovi amici, ho aperto il mio beauty bloggino su wordpress e conosciuto tramite questo tante pazze malate di makeup e the big bang theory, ho trovato il lavoro che amo, finalmente lavoro di grafica, anche se sono ai piedi di una lunga scalinata di gavetta di album sottopagati e tutorial di photoshop, il mio pepè ha trovato una compagna,ho tentato di fare una rivoluzione popolare e la mia casina ha avuto il suo primo albero di natale. Pensiamo che quel che non abbiamo ancora realizzato saranno gli obbiettivi del prossimo anno, pensare positivo è il primo passo per la felicità.. ;)

    ReplyDelete
  78. Ciao! la cosa più bella che mi è successa, ovvero che abbiamo fatto accadere insieme al mio compagno è il nostro matrimonio! è stata una giornata fantastica, divertente ed emozionante insieme...
    jasna@blu.it (ti seguo su Bloglovin)

    ReplyDelete
  79. il 2013 per me non è stato un anno molto bello, specialmente da fine agosto in poi... però sono felice di un'unica cosa ossia aver conosciuto nuove persone interessanti ed il sentirsi dire per la prima volta Ti amo prima di una partenza che mi avrebbe tenuta lontana per 3 giorni dal mio ragazzo. Tre giorni non sono nulla me ne rendo conto, ma quando si sta sempre insieme non lavorando ne io ne lui, il momento che stai lontano è come se ti mancasse un pezzetto di te, e quel giovedì pomeriggio di Maggio non me lo scorderò mai, vederlo in lacrime che mi stringeva forte per tenermi con lui e sentirmi dire quelle due paroline è stato qualcosa di magico.

    ReplyDelete
  80. Che idea dolce che hai avuto :)
    Quest'anno non è stato molto facile per me, gli ultimi avvenimenti sono stati solo l'ennesima botta.
    Ma sarei un'ipocrita se ti dicessi che non mi sono capitate cose belle.
    La prima che mi viene in mente è stato il primo esame superato all'università, l'odiatissima algebra lineare, e il primo trenta a luglio, una faticata xD
    Poi ho aperto il blog, e con esso tutto un nuovo bellissimo mondo. Ho conosciuto tante ragazze con la mia stessa passione, e ho capito che lo schermo è una barriera facile da superare, e che le dimostrazioni di apprezzamento e di affetto si fanno anche a distanza, pigiando qualche tasto.
    C'è stata la vacanza a Londra, forse l'unico momento in tutto l'anno in cui mi sono sentita leggera e senza alcun problema per la testa: solo io, il mio ragazzo e la città più bella del mondo.
    Come non ricordare poi la grande rivincita che mi sono presa a livello sportivo, dopo anni difficili ho ricominciato a giocare seriamente a pallacanestro, inserendomi in un ambiente rilassato ma allo stesso tempo stimolante, e pure competitivo. La vivo come una rinascita e una grande opportunità, e di questo sono grata.
    Da ultimo, anche se ultimo proprio non è, i regali sotto l'albero: quest'anno ho dovuto fare anche la parte di mamma, visto che lei non poteva, e queste cose mi stressano un sacco! Ma alla fine ho fatto tutto e sono felice, sopratutto perché ho fatto alcuni regali non previsti ma che (spero) saranno apprezzati, o quantomeno azzeccati. E poi passeremo il natale di nuovo tutti insieme, io, mamma, babbo, nonni, zii e cugine. Avrò di nuovo tutta la famiglia insieme, e già questo mi basta a raddrizzare tutto l'anno :)
    Buon Natale S., non so se sei solita festeggiarlo, ma comunque ti faccio i migliori auguri per tutto.
    Un bacio

    Ps: non ho e non so usare bloglovin, per ora gfc regge, e sennò verrò a controllare ogni giorno se ci sono nuovi post ;) anche se ora sono un po' uscita di scena

    ReplyDelete
  81. Ho solo 3 cose bellissime da ricordare di questo anno:
    la prima è sicuramente la comparsa in casa della terza mini coinquilina! Una coniglia malvagia di nome Luna =)
    la seconda è stata un viaggio fatto col mio compagno in Inghilterra, in barba ai problemi economici.

    La terza è stata la più bella: sono stata invitata ad un meeting aziendale europeo ad Amsterdam dalla ditta per cui lavoro!! Non solo è stata una grandiosa occasione per conoscere finalmente le divinità dell'olimpo [aka: chi comanda] ma è stato anche bellissimo vedersi e confrontarsi con persone di tutta europa diversissime tra loro.. in un'atmosfera di sogno!! =)

    ReplyDelete
  82. Il mio meglio è tutto qui: http://diariodiunexstacanovista.blogspot.it/2013/12/il-meglio-del-2013.html

    ReplyDelete
  83. La cosa più bella e spaventosa di quest'anno: aver vinto una borsa di studio e dovermi trasferire per iniziare quello che spero sia il mio futuro. Ne sono terrorizzata e affascinata al tempo stesso. Perché ho un sacco bisogno di dare un nuovo percorso alla mia vita e allo stesso tempo sono terrorizzata dai cambiamenti.

    ReplyDelete
  84. Prima di tutto è stato l'anno dei miei 30 anni, che ho festeggiato tre volte, una per decennio :D
    Si è rafforzata l'amicizia con alcune colleghe al lavoro, che sono praticamente delle sorelle.
    Ho conosciuto te e le altre a luglio, ma c'è una tale sintonia che mi sembra di conoscervi da sempre *_*
    Sono molto orgogliosa di alcune novità che introdotto nella mia vita e di essere riuscita a tenere a bada un sacco di paure sciocche ^_^
    Per restare in tema frivolo sono ancora più orgogliosa di non aver ceduto agli acquisti "compulsivi" di makeup, yeah #epicwin.
    E poi per natura sono una persona che è davvero felice quando agli altri le cose vanno bene, uno dei momenti più belli è stato veder tornare a casa mio fratello da un colloquio con un contratto <3 Ha 24 anni, ma gli pesava parecchio essere etichettato come pigro/disoccupato/bamboccione.
    E visto che è un best of mi fermo qua :D (in realtà ce ne sono altre ma non voglio scendere troppo nel personale, mentre le cose negative per fortuna sono poche e risolvibili!)

    <3

    ReplyDelete
  85. Uhm....cose belle successe quest'anno...
    Una su tutte, io e il mio fidanzato abbiamo deciso di andare a vivere insieme! Anche se questa è una cosa bella solo a metà, visto che i miei genitori sono molto contrari e sto cercando di evitare una guerra in casa, per qualcosa che mi rende felice....ma vabbè.....
    Ho trovato la specializzazione del mio futuro: restauratrice di pellicole cinematografiche. Anche qui c'è la nota negative del lavoro inesistente, ma spero in un futuro migliore!
    Ho comprato i miei primi rossetti MAC!!!!! Lo so, è una cosa frivolissima....ma Diva ha cambiato il mio modo di vedermi allo specchio, e lo ringrazio tanto per questo!!
    Last but not least, ho scoperto tra le mie compagne di corso un'Amica di quelle con la A maiuscola! Non sono mai stata brava con le amicizie, io non telefono e non mando messaggi stupidi per non dire nulla, quindi le amicizie che credevo di avere le ho sempre perse per strada. Ma lei, lei l'avevo sottovalutata, ed è stata una magnifica scoperta!

    ReplyDelete
  86. Bè della prima metà dell'anno proprio non ne parliamo, ma la seconda metà è stata davvero favolosa: sono diventata makeup artist ed ho partecipato addirittura alla settimana della moda di Milano in due occasioni. Un grandissimo sogno che si è realizzato e forse si ripeterà a febbraio. Grazie al blog, alla scuola ed al lavoro nel service ho conosciuto alcune ragazze fantastiche, alcune delle quali sono diventate care amiche, ed ho potuto fare delle meravigliose esperienze. Direi che non è stato un anno da buttare, ma sto proprio ignorando i primi 4 mesi, come se avessi una lesione cerebrale XD Neglet all the way.

    ReplyDelete
  87. Ecco, io ho dedicato un post alle cose/persone belle del mio 2013: http://www.deornatumulierum.com/2013/12/saranno-tutte-ore-serene-se-voi-saprete.html
    Un bacio Drammetta bella:)

    ReplyDelete
  88. prima di tutto complimenti!!!! in realtà devo pensare alle cose belle di quest'anno, non sono molte e me le devo ricordare per bene!!! ci penso e poi lascio un commentino!!!! ^.^

    ReplyDelete
  89. Contro ogni previsione, il 2013 è stato davvero un anno pieno di cose belle, a fronte del suo predecessore che invece è entrato da subito a far parte della mia personale Top 3 PES (Peggiori Annate di Sempre). Quindi yeee, condividiamo col mondo queste belle cose e già che ci siamo partecipiamo al Contest di Drama, si sa mai in un colpo di coda finale che mi regala anche quest'ultima botta di sedere :D.Ogni riferimento a fatti e cose realmente accaduti è assolutamente voluto, e l'ordine non è né cronologico né di importanza. E' ad minchiam.
    Dunque...Mi sono laureata! Evviva! Lo so che si laureano palate di persone ogni anno e in ogni luogo della Terra, e so anche che con solo quel pezzo di carta non posso farci molto se non un attacco d'arte con Giovanni Muciaccia, ma è stato comunque un traguardo enorme per me. Ho avuto le mie belle difficoltà nel percorso di studi, spesso mi sono sentita lasciata indietro dai compagni di corso genialoidi, e molte volte ho pensato che non ce l'avrei fatta (molto più spesso, però, mi sono trovata a pensare "Ma chi miiiiiiinghia me l'ha fatto fare??". Ma sono dettagli). Quindi avercela fatta, essere stata circondata da volti sorridenti che sono fieri di me (e non solo la mamma e il papà, che sono fieri a prescindere :P), festeggiare con tutti loro, è qualcosa che non dimenticherò mai. Almeno fino alla laurea specialistica.
    Poi…Beh, sono inciampata in una persona speciale, ecco. Non sono mai stata una romantica, tanto meno una di quelle che ha costantemente bisogno di stare in coppia: anzi, diciamo che sono stata single la maggior parte della mia vita. E invece sono qui, che do tutta me stessa a una persona che fino a ieri non c’era, che per la prima volta mi preoccupo più per lei che per me, che cammino per strada e a ogni isolato trovo qualcosa che mi fa pensare lei. Ricoglionita come la Befana che svolazza ad Agosto, ascolto con sentimento lamentose canzoni che parano di te e me e noi e tante cose belle, talvolta scivolando nel cantautorato italiano (orrore). Aiuto.
    Ho fatto un sacco di esperienza nuove: sono andata in campeggio (io, che temo anche le formiche!), sono andata più volte nella regione di origine dei miei, scoprendo ogni volta qualcosa di più e avvicinandomi alla mia famiglia, e poi ho fatto tutto quello che rappresenta la mia irrinunciabile quotidianità: studiare, uscire con gli amici, portare a spasso il cane… Non saranno cose speciali, ma sono belle! :)
    Ci sono stati naturalmente avvenimenti spiacevoli, uno in particolare, ma abbiamo deciso di non parlarne mi pare ;)
    Buona Anno, Drametta :)

    ReplyDelete
  90. Provo a rispondere anch'io :) (sono brandyalexander1 su instagram... onorata che mi segui, leggo il tuo blog da un sacco di tempo e sei una delle mie blogger preferite per la cura che ci metti :D)
    Non è facile tirare le somme di questo 2013, è stato probabilmente uno degli anni più movimentati e destabilizzanti della mia vita... tutto l'impegno degli ultimi due anni di università mi ha permesso di vincere sia una borsa di studio, sia una borsa Erasmus e quindi di trasferirmi qui a Berlino, dove vivo tuttora. Questa esperienza mi sta definitivamente cambiando la vita. E tutto questo grazie alla persona che mi ha dato la forza di cambiare, il mio fidanzato con cui mi sono messa insieme lo scorso febbraio. Credo tu possa immaginare il "groppo" di emozioni che mi sale in gola ogni volta che penso a tutto quello che il 2013 mi ha dato!
    Ovviamente non è stato tutto rosa e fiori, staccarmi da tutto quello che avevo in Italia e vivere in una metropoli così grande lascia un immenso spazio da coltivare dentro di sè, che può addirittura spaventare se non si riesce a gestirlo: Berlino è una città che fa tirare fuori la propria vera identità. Le ore infinite di metro, le luci di notte sopra la città, gli odori di Kreuzberg, i locali a Friedrichshain, gli incantevoli mercatini di Natale, le domeniche a Mauerpark, le passeggiate al parco, il cielo sopra le case alle 8 di mattina, niente ha veramente valore se tu non sai darglielo. Qui mi sento come un serpente che fa la muta, in un senso che più positivo non si può! Quando tornerò in Italia so che sarò una persona diversa e con la forza di far diventare la mia vita quello che voglio, insieme alla persona a cui devo tutto. E non ne posso essere più felice.
    Quindi questo 2013 ha significato molto dolore e malinconia, ma anche e soprattutto rinnovamento e nuova felicità. Felicità anche nelle piccole cose, come per esempio aver trovato il coraggio di scrivere un piccolo blog (non so se la paura di sentirsi sceme sia comune all'inizio, comunque è stato anche quello un piccolo ostacolo da superare eheh :D), in cui posso finalmente esprimere la mia passione per i trucchi e condividere un pezzo dei miei pensieri.
    E ora spero solo che questo 2014 spacchi i culi per tutti!
    Buon anno ;)

    ReplyDelete
  91. Per me il 2013 è stato l'anno de "La Svolta". Ho vissuto un'adolescenza difficile, ho sempre avuto qualche (tanti) chilo di troppo e per questo venivo schernita e sbeffeggiata, anche abbastanza duramente e con cattiveria, non voglio etichettare i comportamenti dei miei coetanei nei miei confronti come "bullismo" ma insomma, forse sarebbe il caso. Comunque, ero sola (chi avrebbe voluto essere realmente amico della Balena? Le uniche persone che mi stavano vicine lo facevano perché gli passassi i miei compiti e gli suggerissi durante le verifiche, ora l'ho capito di essere sempre stata l'ultima ruota del carro e la prima scelta di nessuno..) ed infelice, non nascondo di aver pensato di farla finita in alcuni momenti, ma la paura (fortunatamente) era troppa.. Mi sentivo a disagio con il mio corpo e soprattutto con me stessa, ho vissuto un periodo orribile. Poi è scattato qualcosa, all'improvviso ho avuto davvero voglia di cambiare la mia vita, di iniziare a credere in me stessa, di diventare chi volevo essere. Ho quindi iniziato a seguire una dieta piuttosto ferrea, è vero, ma da febbraio a giugno ho perso ben 15kg. La cosa più appagante è stata vedere che ero diventata più snella di alcuni tra quelli che prima mi prendevano in giro! Dopo l'estate mi sono iscritta in palestra, che continuo a frequentare assiduamente e felicemente, per raggiungere il peso e la tonicità che desidero. Questo 2013 mi è costato molta fatica, fame, disciplina e forza di volontà, ma ne è valsa assolutamente la pena e rifarei tutto da capo. Nel 2013 ho finalmente iniziato a credere in me stessa e nelle mie capacità, ed è questa la vittoria più grande che ho conseguito, dire per la prima volta "sono fiera di essere me".
    Ti ringrazio per il tema di questo contest, è stato terapeutico, mi sento molto più leggera ora che ho finalmente confessato a qualcuno ciò che finora era rimasto solo nella mia testa!
    Ah, su Bloglovin' sono Colì :)

    ReplyDelete
  92. Anzitutto auguri di buon 2014 :)

    Il 2013 per me non è stato un anno fantastico, i più bei ricordi sono legati alla blogsfera e ai traguardi raggiunti come ad esempio un anno di vita del mio piccolo spazietto cibernetico, alle fantastiche blogger conosciute che mi piacerebbe un giorno incontrare dal vivo :)
    Un altro bel ricordo sono state le vacanze estive passate con la mia dolce metà, una settimana in sua compagnia ed in totale relax!
    Ciò che più ricordo con piacere è stato il ravvivamento di due vecchie ma importanti amicizie, che temevo ormai terminate da tempo. Ora sono più legata che mai a queste due persone e questo è stato uno dei lati migliori del 2013.

    Spero e ti auguro che questo 2014 sia migliore sotto molti aspetti :)

    Su bloglovin sono Rouge Noir :)

    ReplyDelete
  93. Da quando hai lanciato questo contest continuavo a ripetermi devo partecipare anche io perchè tutto sommato il 2013 non si è rivelato così brutto come pensavo. Gli ultimi 4/5 anni sono stati davvero molto brutti per me e la mia famiglia, diversi problemi famigliari abbastanza gravi da gestire, problemi lavorativi a causa della crisi e problemi di salute come la mia peritonite. Il 2012 è un anno che vorrei davvero dimenticare, ma è finito abbastanza bene, ho potuto conoscere la persona che è al mio fianco tutt'ora e per cui ogni giorno ringrazio. Lui è uno dei motivi per cui il 2013, nonostante la marea di problemi che ci sono stati, è stato favoloso. Ho sempre fatto fatica a fidarmi delle persone per la paura di soffrire, ma lui nonostante sia più piccolo di me, mi ha insegnato che amare qualcuno è la cosa più bella del mondo. Mi viene la pelle d'oca mentre ti scrivo perchè davvero ogni volta che ci penso mi sento una persona fortunata, credo che ognuno di noi meriti di avere al proprio fianco una persona in grado di farti sentire completa, a tuo agio, bella anche se in pigiama e struccata. So che sembro la solita sdolcinata, ma questo è stato il regalo più grande del 2013. Il 2013 mi ha portato a frequentare la scuola da make up artist, un desiderio che non pensavo potesse realizzarsi, ho conosciuto tante persone favolose e ho imparato davvero tantissimo, ho avuto l'opportunità di lavorare per la Disney e anche per la Fashion Week e sinceramente non credevo che potesse capitare proprio a me. Sono sempre stata una ragazza che aveva paura di sognare troppo in grande e preferiva stare con i piedi per terra. Il 2013 mi ha portato anche a cambiare università, dopo tanti ripensamenti ho deciso di seguire il mio istinto e iscrivermi a quello che avrei sempre voluto fare ossia lingue e culture per il turismo. E' stata una decisione difficile, ma ho deciso di rischiare e sono davvero contenta. Finalmente vado a lezione contenta, mi piace studiare queste materie e soprattutto con mia grande gioia mi hanno passato la maggior parte degli esami che avevo dato ad Economia!
    Queste esperienze bellissime fanno si che il 2013 non sia stato un anno da buttare totalmente via, quando sono giù di morale o mi sembra che le cose vadano tutte male ripenso a questi episodi e la giornata prende una piega migliore.
    Voglio anche ringraziare mia mamma, una delle persone più importanti per me, quella su cui posso sempre contare e che mi conosce meglio di chiunque altro. Senza di lei tante cose non avrei potuto realizzarle e non smetterò di ringraziarla per questo!

    Spero di non averti annoiata con questo papiro ^^

    Un nuovo anno è iniziato e io spero che ci riservi tante cose belle perchè ne abbiamo tutti bisogno, la felicità è quello che muove la vita :)

    Un grosso abbraccio :*

    ReplyDelete
  94. Allora direi che il 2013 è stato un anno davvero emozionante!!!! A fine 2012 mi sono laureata in ostetricia e le aspettative erano piuttosto funeree (ebbene si, le ostetriche non trovano lavoro).Tuttavia a Gennaio del 2013 sono riuscita a trovare lavoro presso un supermercato e nonostante non sia il lavoro per il quale ho studiato devo dire che mi piace un sacco. Al lavoro mi sento considerata e inoltre la mia scarsa autostima aumenta pochino alla volta!!!
    Inoltre a maggio ho finalmente comprato casa!!! Sempre in provincia di Bergamo e vicino a mamma e papà ma finalmente ho un posto tutto mio. Che dire? E' stato un anno molto intenso e soddisfacente, costellato di sfide e di novità!!!

    ReplyDelete
  95. Innanzitutto grazie mille per questa opportunita'! Ti stimo e ti meriti tutti i traguardi raggiunti!
    Il 2013 non è stato un anno esaltante..diciamo normale,e nella sa tranquillita' ha visto momenti pessimi e piuttosto critici, come quando a giugno, la nonna del mio ragazzo si é rotta il femore...detta cosi sembra una cavolata ma considerando che ha 93 annie soffre di dmenza senile per fortuna non in forma estremamente grave,pur non essendo totalmente autonoma prima della caduta, in quel momento abbiamo temuto il peggio. Nonostante non sia mia nonna, io l'adoro...pur non essendo totalmente lucida, é una vecchietta dolcissima,che ogni volta che mi vede,mi riempie di complimenti e quasi si commuove quando mi sente dire "guardi che é ancora una bellissima signora,vorrei invecchiare come lei!...le sono davvero affezionata,e posso dire che il momento piu' bello,é stato vederla uscire dalla sala operatoria cosciente e renderci conto giorno dopo giorno che non era cambiato nulla,che stava bene e che a poco a poco sarebbe tornata come prima...allo stesso modo vedere il mio ragazzo commuoversi e abbracciarmi.Credo sia stato un momento impagabile,sicuramente...credo sia stato una specie di miracolo, ad oggi,passati quasi 7 mesi posso dirlo...e sono felice di poterla rivedere ogni fine settimana! Per il resto io sono una persona che gioisce delle piccole cose..per me é gia' una gioia quotidiana sapere che sono circondata da persone che mi amano e che per me darebbero la vita,cosi come io per loro!

    ReplyDelete
  96. Ciauu! Beh, che dirti? La vita è un'altalena di alti e bassi...a volte talmente bassi che ti senti sprofondare nel terreno, altre volte così alti che tocchi il cielo con un dito. In mezzo, le piccole grandi cose di ogni giorno. Il cielo l'ho toccato qualche mese fa, quando sono riuscita a portare in viaggio a Londra la mia mamma! Qualcuno dirà: embè? :))) a quasi 70 anni e senza mai essere stata più giù del Lazio, ha accettato (non senza 1000 esitazioni) di fare una gita in Inghilterra. Dopo alcuni anni faticosi, di cui sentiamo ancora il peso sulle spalle, questa piccola vacanza ci ha ridato l'aria! Ovviamente, l'ho trascinata al corner Mac di Harrods: si è comprata il rossetto Teddy :D

    ReplyDelete
  97. Ciao! Provo a partecipare anch'io!!
    Seguo il tuo blog sia tramite GFC che Bloglovin' (su entrambi sono giusyp87).
    Sicuramente la cosa più bella del 2013 per me è stata la notizia dell'arrivo del mio primo nipotino :-) ovviamente ancora più bello sarà tenerlo tra le braccia tra un paio di mesi :-)
    E poi sicuramente l'inizio di un nuovo lavoro, e il primo anniversario con il mio ragazzo (comprensivo di anello, ma più che l'anello in sè, quello per me è importante il significato che c'è dietro).
    Ti ringrazio tanto per questa opportunità, augurandoci che ci siano tante cose belle anche con questo nuovo anno che è appena iniziato!
    Un bacione,
    Giusy

    ReplyDelete
  98. Ciao Drama,

    a dicembre ho capito di non poter continuare con il mio lavoro perché non in linea con le mie attitudini e la mia sensibilità: un vero "massacro" alla mia persona che perpetravo quotidianamente, ma convinta razionalmente di essere nel giusto e di provvedere economicamente ai miei bisogni. E, paradossalmente, ero anche apprezzata...!
    La difficilissima scelta di presentare le dimissioni in un periodo storico così particolare è stata durissima, ma ce l'ho fatta! :)

    Ringrazio quindi tutti quegli eventi (soprattutto lavorativi) apparentemente negativi del 2013 che mi hanno permesso di maturare gradualmente questa consapevolezza; guardo all'anno venturo con serenità e fiducia, insieme alla mia identità ritrovata.

    Un saluto,

    ChiaraClaire

    ReplyDelete
  99. Non avevo letto questo post, e di solito non partecipo a queste cose, diciamo che nn so forse una forma di imbarazzo. Ti seguo un po' su tutti i social, leggo i post che sono fatti bene, interessanti e utili, ma preferisco guardare i momenti su instagram. Ho instagram da circa 2 anni, e lo considero una cosa a parte, mi piace guardare le foto che le persone metto per condividere un momento, una sensazione, un ricordo.ti seguo pure li :)... Ho pensato alle mie foto, al mio 2013, un anno di ristrutturazione, di scelta di vari mattoncini da mettere nuovamente su, uno dopo l'altro, come hanno fatto dopo la guerra, che le donne hanno ricostruito tutto scegliendo dalla macerie tutto quello che c'era di buono, ecco, prendo una mattone una pezzo di ferro, del legno e cerco di costruire di nuovo la Torre. Forse lo faccio con un po' di cipria e di rossetto, e ricostruisco anche lo stucco esterno. Il 2014? sarà l'anno dopo 2013 e prima del 2015. tutto qua...un mattoncino :). Ora mi servono le tendine e le decorazioni per la Torre, ecco decorare a abbellire..e sorridere. almeno provarci...il mio 2013 bello è Amelie. Bau.

    ReplyDelete

Thanks for commenting <3