Books: My Invented Country

6.10.13

My Invented Country by Isabel Allende.
I like pretty much every book this author wrote, her words always fascinate me no matter what she talks about.

Il mio paese inventato di Isabel Allende.
Mi piacciono tutti i libri di quest'autrice, le sue parole mi affascinano sempre moltissimo a prescindere dal tema di cui parla.



This book speaks of Chile but not as it actually is but as it's lived by the author.
It's a very personal book, with intimate anecdotes.
It goes from extremely hilarious moments to deep, dramatic stories, drama that is inevitably part of the chilean history.
I did not expect to laugh with this book.
Allende often tells really sad stories, I happened to cry pretty often cry with her words rather than laugh. In this case, instead, I repeatedly found myself  laughing out loud while reading it, which honestly doesn't happen very often when I read.
The whole book has no real pattern nor a defined temporal sequence. This does not diminish -in my opinion, of course- the value of the book.
My Invented Country is a collection of memories and as such it presents itself.
Not a proper autobiography but a set of detailed memories comparable to the story that a mother could do to their children.
I loved it!

Questo libro parla del Cile. Ma non del Cile per com'è effettivamente -non solo perlomeno- ma per come è vissuto dall'autrice.
È un libro estremamente personale, con annedoti intimi.
Riesce a passare  da momenti esilaranti a racconti drammatici, dramma che fa inevitabilmente parte della storia cilena. 
Non mi aspettavo di ridere con questo libro. La Allende racconta spesso storie tristi, mi è capitato più spesso di piangere con le sue parole che di ridere. E invece mi sono trovata più volte a ridere ad alta voce mentre lo leggevo, cosa che non mi succede molto spesso quando leggo.
Tutto il libro non ha un vero e proprio schema nè una sequenza temporale definita. Ciò non diminuisce -secondo me- il valore del libro.
Il mio paese inventato è un insieme di ricordi e come tale si presenta.
Non un'autobiografia dettagliata ma un insieme di memorie paragonabili al racconto che una madre potrebbe fare a dei figli.
Mi è piaciuto tantissimo!

“Literary characters, like my grandmother's apparitions, are fragile beings, easily frightened; they must be treated with care so they will feel comfortable in my pages” 

10 comments

  1. Non ho mai letto nulla della Allende, se devo essere sincera sono sempre stata un po' scettica nei suoi riguardi, ma dovrei tentare!

    ReplyDelete
  2. Sono stata appassionata della Allende per un periodo, quando facevo il ginnasio in realtà. I suoi libri pieni di colore e calore mi affascinavano, anche se poi alcuni pezzi li saltavo perché, devo dirlo, mi annoiavano. Non credo sia il tipo di letteratura che fa per me, ma ogni tanto ci sta.
    Non ho mai pensato di leggere questo libro in particolare, ma la prossima volta che vado in libreria proverò a sfogliarlo :)

    ReplyDelete
  3. Anche a me piacciono molto i suoi libri ;))

    Miss Piggy

    ReplyDelete
  4. a parte la casa degli spiriti quello che ho letto della allende non mi ha mai preso più di tanto. mi piaceva diversi anni fa, quando ero giovane e carina! ;)
    questo però non l'ho mai letto.

    ReplyDelete
  5. Anche io rido ad alta voce quando leggo! E purtroppo, a seconda dei casi, piango anche.
    Questo libro mi manca, devo rimediare :)

    ReplyDelete
  6. Non l'ho mail letto ma ho sempre voluto farlo... la Allende mi conquistò con La casa degli spiriti (se non l'hai letto, fallo!) e ho letto molto altro di lei, non però questo libro... appena riuscirò a smaltire un po' dei miei non letti potrebbe essere il prossimo... :-)

    ReplyDelete
  7. La casa degli spiriti è stupendo, poi li ho letti tutti fino alla svolta 'racconto in serie'. Lì mi sono fermata. mi piacciono tanto i romanzi in cui parla della sua famiglia. Paula è a parte, è talmente commovente che fa male al cuore. E' una donna sudamericana splendida. Sospetto che anche questo romanzo mi piacerebbe.

    ReplyDelete
  8. Questo in particolare non l'ho ancora letto, cerco di rimediare presto presto perché mi piace il tipo di scrittura della Allende. I miei preferiti su tutti sono "La casa degli spiriti" e "Ritratto in seppia". Mi piace il fatto che riesca a combinare storie così diverse, toccanti e particolari, intrecciandole, capovolgendole, seminando indizi qui e là. È decisamente uba delle autrici che preferisco.
    Mi sono piaciuti anche "Zorro" e "Afrodite", te li consiglio ;)

    ReplyDelete
  9. I libri di Isabel Allende sono tra i primi che abbia mai letto dopo le letture infantili, avrò sempre nel cuore "La casa degli spiriti" :) Purtroppo dopo un po' è normale per me abbandonare gli autori, spesso il loro stile rende troppo simili molti libri!

    ReplyDelete
  10. Adoro questo libro!!!
    l'ho letto qualcosa come 8 anni fa e mi aveva definitivamente fatto innamorare del Cile (che già amavo comunque anche grazie ai suoi libri). Avevo giurato a me stessa che sarei andata in Viaggio di nozze in cile -ed all'epoca nemmeno ero fidanzata, poi mi sono sposata ad agosto per cui non era esattamente la stagione adatta per vedere il Cile, ma è un viaggio che rimane tra i miei desideri!

    ReplyDelete

Thanks for commenting <3